fbpx
Regioni ed Enti Locali Spalla

Lavori sulla statale 640 Agrigento-Caltanissetta: nuovi passi avanti

Con l’apertura del nuovo viadotto Arenella e di una delle gallerie “Cozzo Garlatti” prevista per lunedì 26 aprile alle ore 12 alla presenza del Sottosegretario al Ministero delle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri, le attività di cantiere nel secondo lotto della SS 640 registrano un notevole passo avanti per la definitiva consegna dell’opera.
Sul totale dei 28 chilometri, infatti, 21 chilometri sono già aperti a doppio senso di marcia. Restano da completare soltanto 7 chilometri compresi i 4 chilometri della Galleria “Caltanissetta”.
Un risultato raggiunto grazie al lavoro svolto dalle maestranze della Cmc di Ravenna e dal Consorzio “Empedocle2” che si sono impegnate, negli ultimi mesi, per arrivare agli obiettivi preposti, al fine di consegnare l’opera quanto prima.
Da lunedì la strada sarà percorribile sul nuovo tracciato. Dall’A19 fino allo svincolo di Caltanissetta nord (via Borremans) sarà a doppio senso di marcia, che si aggiunge ai tratti già aperti da inizio del lotto, Grottarossa, fino allo svincolo di Caltanissetta sud, nei pressi di Scaringi.
“Un risultato raggiunto nonostante le innumerevoli difficoltà – commenta il direttore tecnico del cantiere, il geometra Filippo Guccione, che ha seguito tutte le fasi lavorative, in sintonia con il responsabile del cantiere Antonio Finamore, i dirigenti della Direzione lavori e dell’Anas con a capo il Rup Ing. Luigi Mupo – che ci spingono a continuare i lavori, concentrandoci nello specifico sulla demolizione del vecchio ponte Salso e del vecchio ponte Arenella. Conseguentemente, lavoreremo al completamento dei tratti in prossimità della galleria ‘Caltanissetta’ al fine di prepararci per il completamento della stessa e al compeltamento definitivo dello svincolo della 626”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.