fbpx
Regioni ed Enti Locali

Licata, Cambiano: “con la Dedalo Ambiente, è stato estirpato un cancro”

angelo cambianoContinuano le criticità a Licata del servizio nella gestione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, acuite da due giornate di sciopero indette dalla Segreteria della Funzione Pubblica CGIL di Agrigento in data 3 e 4 aprile 2017.

Da parte dei lavoratori saranno assicurati i servizi minimi indispensabili in tutte le zone interessate da utenze scolastiche, ospedale, case di cure, comunità terapeutiche, ospizi, stazione ferroviarie e caserme.

Nonostante un servizio pessimo reso ai cittadini – afferma il Sindaco di Licata, Angelo Cambiano -, nonostante le criticità da imputare a mezzi obsoleti e personale ridotto ai minimi termini, anche l’accanimento dei provvedimenti Sindacali, che, invece di imputare alla Società di Ambito Dedalo Ambiente cause e responsabilità, oggi, sembra presentare il conto a questa Amministrazione. Uno sciopero dei lavoratori giustificato dal ritardo negli stipendi e dagli emolumenti arretrati, quando Licata ha sempre pagato regolarmente. Sembra che invece di prevalere il buon senso da parte di tutti, si rema contro“.

Ci conforta  – continua il primo cittadino – il fatto che la settimana scorsa la S.R.R. ATO4 Agrigento Est (Società per la Regolamentazione del servizio di gestione Rifiuti) ha costituito la nuova Società che avrà il compito di attuare quanto previsto nel Piano di Ambito e nel Piano di Intervento del Comune di Licata già approvato dalla Regione Siciliana che prevede, tra l’altro, l’avvio della raccolta differenziata che procederà per step, permettendo una costante riduzione del conferimento in discarica. E’ una fase di transizone che si protrarrà ancora per qualche settimana, ma con orgoglio e soddisfazione possiamo dire che abbiamo estirpato un cancro che stava portando ad un punto di non ritorno il Comune di Licata“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.