fbpx
Regioni ed Enti Locali

Licata, interventi di bonifica sul territorio

Mentre da un lato l’attenzione dell’Amministrazione comunale, presieduta dal Sindaco Giuseppe Galanti, è rivolta alle attività di prevenzione da eventuali danni derivanti dalle continue condizioni avverse atmosferiche, l’ultimo bollettino della Protezione civile regionale è di ieri pomeriggio ed annuncia un allerta meteo di tipo arancione, dall’altro l’esecutivo è quotidianamente impegnato nelle azioni di salvaguardia e recupero del territorio.

I danni provocati dalle alluvioni della scorsa settimana, sono ancora visibili e freschi nella memoria della comunità licatese, ma, per fortuna, assicurano all’interno del Palazzo di Città, se l’Amministrazione non avesse agito con congruo anticipo per fare eliminare arbusti nei canali di adduzione al fiume e di disostruzione della foce, i danni avrebbero potuto essere di gran lunga maggiori e ben più pesanti.

E tutto ciò grazie all’impegno costante di amministratori, dirigenti, tecnici ed operatori comunali, delle forze dell’ordine, e dell’associazioni di volontariato che con la loro fattiva presenza sono stati di grande aiuto nell’espletare i compiti loro assegnati dai responsabili dell’Ufficio Comunale di Protezione Civile, che hanno coordinato, e continuano a coordinare, tutti gli interventi registrati.

A loro va il ringraziamento dell’Amministrazione comunale, così come agli enti esterni, ESA su tutti, che ha data la disponibilità di uomini ed anche di qualche mezzo per eseguire taluni interventi di salvaguardia del territorio.
A tal proposito, dopo avere già ricevuto già un primo mezzo, nella giornata di ieri dal Comune è partita la richiesta di un decespugliatore a braccio, per poter ulteriormente intervenire ai fini di una più efficace pulizia dei canaloni, da arbusti, canne e quanto altro, limita il deflusso delle acque, causando l’alluvione dei terreni circostanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.