fbpx
Regioni ed Enti Locali

Licata, istituita la figura del Garante per i diritti delle persone con disabilità

Ieri sera, convocato in seduta non urgente, il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità il Regolamento Comunale sulle funzioni del garante della persona disabile e contestualmente l’adozione della Convenzione ONU sui diritti delle persone disabili.

Ad annunciarlo è il Sindaco Giuseppe Galanti e L’Assessora alle Pari Opportunità Violetta Callea, promotrice e consigliera prima firmataria della proposta.

Questa importante figura ha il ruolo di mediatore istituzionale tra i cittadini con disabilità, le loro famiglie e la Pubblica Amministrazione, con il compito di vigilare sull’applicazione delle norme volte al superamento delle barriere architettoniche, alla tutela dei diritti civili e all’inclusione lavorativa e sociale delle persone disabili.

Il Garante eserciterà la propria attività a titolo gratuito e non percepirà alcuna indennità o compenso. Supporterà l’amministrazione comunale nell’individuazione e gestione delle problematiche inerenti alla disabilità. Sarà un punto di riferimento per le persone con disabilità e per i loro familiari. Fungerà da raccordo tra utenza e servizi di competenza, ascolto, informazione e orientamento.

“Esprimo grande soddisfazione, – sostiene l’Assessora Callea – nella doppia veste di Assessora alle Pari Opportunità e come consigliera prima firmataria, per la proposta votata all’unanimità da tutti i consiglieri presenti, dando seguito a una richiesta che avevo presentato, unitamente ad altri quattro consiglieri comunali, il 3 dicembre scorso. La scelta della data non è casuale, in quanto, proprio il 3 dicembre si celebra la Giornata Internazionale della Disabilità. Ora che il regolamento per l’istituzione della figura del Garante delle persone disabili è stato finalmente approvato, il sindaco potrà nominarlo, garantendo, nel pieno rispetto della dignità umana e dei diritti e dell’autonomia della persona con disabilità, l’esercizio dei diritti e delle opportunità di partecipazione alla vita sociale e la fruizione dei servizi comunali rivolti alle persone diversamente abili. Ringrazio tutti i consiglieri comunali – conclude Callea – per aver preso all’unisono questa importante decisione, dimostrando l’alto grado di civiltà e solidarietà della nostra comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.