fbpx
Politica

Licata, Lega “Salvini Premier”: “Illegittima la nomina di consigliere politico a titolo gratuito da parte del Sindaco Galanti”

“E’ noto ai più che in questi nove mesi l’amministrazione Galanti, che doveva risollevare le sorti della città di Licata grazie, non solo alle doti amministrative e gestionali del Dott. Galanti, ma soprattutto alla sinergia tra comune e regione, che “ragionevolmente” avrebbe determinato una via preferenziale per il Comune di Licata negli uffici palermitani, una cosa ha saputo fare ed ha fatto: conferire con grande magnanimità routinarie nomine di collaboratori politici a titolo gratuito”.

Lo afferma in una nota ufficiale il circolo Lega Salvini Premier di Licata, che aggiunge:

“Dall’immediato insediamento sono stati nominati numerosi collaboratori politici del sindaco, con la funzione di consigliarlo su argomenti e tematiche specifiche, tutti senza alcun compenso, come è facile appurare.
Tutti i collaboratori politici hanno accettato l’incarico, certamente mossi dall’intento di collaborare nella crescita costruttiva delle dinamiche cittadine, pur senza compenso, e di entrare a far parte in via preferenziale nella macchina amministrativa del Comune. E forse il Sindaco nell’assenza del compenso rinveniva una certa legittimità dell’operato o forse non si è proprio preoccupato di capire se tali nomine potessero minimamente essere contra legem.
Spiace dirlo, ma non solo già di primo acchito la storia dei collaboratori senza portafoglio non convinceva, ma si è rinvenuto, senza troppa, difficoltà addirittura un parere del Ministero degli Interni che conferma l’illegittimità di tali nomine. L’ordinamento degli enti locali non prevede la figura del “consigliere politico” i consiglieri, gli assessori ed il sindaco, quali organi di governo degli enti locali, sono figure tipiche individuate dalla legge. Nel sistema posto dal legislatore costituzionale, art. 117, lettera p), lo Stato ha legislazione esclusiva in materia di “… organi di governo e funzioni fondamentali di Comuni, Provincie e Città metropolitane”, mentre all’ente locale è riconosciuta un’autonomia statutaria, normativa, organizzativa ed amministrativa nel rispetto, però, dei principi fissati dal decreto legislativo n. 267/00”.

“E’ prevista la possibilità di istituire uffici di supporto agli organi di direzione politica, ai sensi dell’art. 90 del citato decreto legislativo, che al primo comma demanda al regolamento degli uffici e dei servizi la possibilità di prevedere la costituzione di uffici posti alle dirette dipendenze del sindaco, della giunta o degli assessori per l’esercizio delle funzioni di indirizzo e controllo loro attribuite dalla legge, ma la giurisprudenza contabile ha evidenziato il carattere necessariamente oneroso del rapporto con i soggetti incaricati di funzioni di staff (cfr. pronuncia SRC Campania n. 155/2014/PA). Con la precisazione che in Sicilia, regione a Statuto Speciale, l’ordinamento degli enti locali trova disciplina nella L. 142/90, recepita staticamente con le leggi regionali n. 48/91, 23/1998 e n. 30/2000, normativa che, in linea con il decreto succitato di portata nazionale, con prevede la figura del consigliere politico. Senza contare, poi, che la disciplina privatistica che regola il rapporto di lavoro anche del pubblico impiegato e che potrebbe applicarsi, pertanto ai consiglieri nominati dal Sindaco, consentirebbe a tali soggetti, ai sensi del combinato disposto di cui all’art. 2113 e 2126 c.c., di richiedere il pagamento dell’attività lavorativa prestata fin a sei mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro, poiché le rinunzie e le transazioni, che hanno per oggetto diritti del prestatore di lavoro derivanti da disposizioni inderogabili della legge non sono valide, con grave potenziale esborso economico per l’ente comunale”.

“Pertanto l’individuazione della figura del “consigliere politico” non solo non appare compatibile con l’ordinamento degli enti locali, (https://dait.interno.gov.it/territorio-e-autonomie-locali/pareri/96960), ma rischia di aggravare le casse dell’ente già in predissesto finanziario, con esposizione ad impugnativa amministrativa di ogni atto da questi soggetti compiuto. Senza contare che, si potrebbero configurare, per l’esercizio di funzioni pubbliche sine titulo anche condotte penalmente rilevanti nella misura in cui il destinatario della nomina a consulente politico dovesse spendere tale sua qualità con modalità tali da ingenerare nei cittadini la convinzione generalizzata di essere investito da una pubblica funzione. Ad oggi, è evidente, che ogni atto compiuto dall’amministrazione è connotato da incompetenza e qualunquismo.
Invitiamo, pertanto, il Sindaco Galanti, a rimuovere le nomine o, se dovesse ritenere indispensabili tali collaborazioni, a dare la giusta veste giuridica nel rispetto del principio di legalità e con assunzione di responsabilità gestionale, amministrativa ed anche contabile”, conclude la nota.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.