fbpx
Regioni ed Enti Locali Salute

Licata, misure di profilassi Covid-19: emanate ordinanza sindacali

A seguito di quanto disposto dal Governo ed in attuazione delle disposizioni imposte dal DPCM del 4 Marzo scorso, nonché delle ordinanze del Presidente della Regione Siciliana, n ° 3 e 34 dei giorni scorsi, a tutela della salute pubblica, il Sindaco Giuseppe Galanti, con proprie ordinanze emesse il 6 e 9 Marzo, ha dettato alcun e norme atte a contrastare e contenere il diffondersi del COVID 19 su tutto il territorio comunale.

Undici le norme fissate dal primo cittadino, nella prima delle due ordinanze (quella del 6).
Esse sono:
1. sono sospesi gli eventi sociali che coinvolgono personale sanitario o personale incaricato dello svolgimento di servizio pubblico essenziale o di pubblica utilità fino alla data di efficacia del DPCM 4/2020;
2. sono sospese le manifestazioni e gli eventi di qualsiasi natura, svolti in luoghi, sia pubblici che privati, che comportano l’affollamento di persone da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;
3. gli eventi, le competizioni sportive e gli allenamenti degli atleti agonistici di ogni ordine e disciplina, sono consentiti all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’esterno senza presenza di pubblico;
4. sono sospesi fino al 15 marzo 2020 i servizi educativi per l’infanzia di cui al all’art.2 del D.Lgsn.65/2017 e le attività didattiche di ogni ordine e grado;
5. Chiunque proveniente da una delle aree di cui all’art. 1 comma1 del D.L.6/2020 o che abbia avuto contatti con persone provenienti dalle medesime aree è tenuto a comunicarlo al Dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria, nonché al medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta;
6. all’Ufficio Risorse Umane e all’UGSIT l’attivazione delle procedure per consentire al personale interessato la possibilità di svolgere l’attività lavorativa in modalità agile ai sensi degli art. 18 e 23 della legge 22 maggio 2017 n.81 .
7. All’Incaricato di P.O. 5 – Lavori Pubblici di provvedere attraverso l’Ufficio di Protezione Civile Comunale all’approvvigionamento e alla messa a disposizione in tutti gli uffici comunali, anche non aperti al pubblico, di disinfettante antisettico per le mani, da distribuire al personale e all’utenza, e di materiale quali guanti e mascherine per specifiche attività lavorative qualora prescritto dall’autorità sanitaria.
8. all’Ufficio di Protezione Civile Comunale di dare adempimento a quanto disposto dalla Circolare emanata della Prefettura di Agrigento COVID – 19 CIRC.N. 4/2020 acquisita al protocollo generale dell’Ente al n. 14331 del 05/03/2020,
9. Tutti gli incaricati di P.O. Sono tenuti a portare a conoscenza del personale assegnato e ad affiggere negli uffici aperti al pubblico il decalogo allegato al presente atto.
10. Al Presidente del Consiglio Comunale di valutare tempi e modalità di svolgimento delle sedute di Consiglio Comunale
11. A tutti gli incaricati di P.O. di vigilare che :
negli uffici aperti al pubblico sia evitato il sovraffollamento anche attraverso lo scaglionamento degli accessi, sia assicurata la frequente areazione dei locali, venga effettuata dal personale addetto l’accurata pulizia e disinfestazione delle superfici e degli ambienti, e sia mantenuta la distanza con l’utenza secondo le indicazioni fornite dall’Istituto Superiore di Sanità.

Con l’ordinanza odierna, invece, il Sindaco Galanti ha così disposto:
1. in aggiunta alle misure del DPCM 08/03/2020 è disposta la chiusura di piscine, palestre, e centri di benessere;
2. chiunque a partire dal quattordicesimo giorno antecedente alla pubblicazione delle ordinanze n . 3 e n. 4 del Presidente della Regione Siciliana abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, o sia transitato o abbia sostato nei territori della Regione Lombardia e delle Provincie di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini; Pesaro, Urbino; Venezia, Padova, Treviso; Asti, Alessandria, Novara, Verbanio- Cusio-Ossola, Vercelli deve comunicare tale circostanza al dipartimento di prevenzione dell’Azienda Sanitaria nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta con obbligo di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni dall’arrivo con divieto di contatti sociali, di osservare il divieto di spostamento e di viaggi, di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza;
3. sono sospese le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli di qualsiasi natura, ivi inclusi quelli cinematografici e teatrali, svolti in ogni luogo sia pubblico sia privato;
4. sono sospese le attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;
5. per lo svolgimento di attività di ristorazione e bar, c’è l’obbligo, a carico del gestore di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, pena la sospensione dell’attività, in caso di violazione;
6. è fortemente raccomandato presso gli esercizio commerciali diversi da quelli di cui al punto precedente, all’aperto e al chiuso, che il gestore garantisca l’adozione di misure organizzative tali da consentire l’accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, e al rispetto distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra gli avventori;
7. l’apertura dei luoghi di culto è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro. Sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri.

Le suddette norme, al momento sono valide fino al 3 Aprile 2020, a meno di ulteriori disposizione emanate dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dal Presidente della Regione Siciliana.