fbpx
Cronaca Regioni ed Enti Locali

Licata, “pizzo” sulle buste paghe: arriva la notifica della conclusione delle indagini

unipa gdfAvrebbero assunto personale, facendo risultare sulla busta paga un compenso maggiore rispetto a quanto effettivamente percepito dal lavoratore.

I dipendenti, secondo l’accusa, avrebbero infatti restituito, dopo il prelievo dello stipendio, parte del compenso in “eccesso”.

Dopo l’operazione condotta dalla Guardia di Finanza che ha portato a cinque misure cautelari, il pm di Agrigento Matteo Delpini ha fatto notificare l’avviso di conclusione delle indagini preliminari.

Il provvedimento, che precede l’eventuale rinvio a giudizio, riguarda 10 indagati, tutti licatesi, fra cui tre dipendenti di alcune cooperative di Licata. L’accusa, a vario titolo, è di estorsione, appropriazione indebita, favoreggiamento e false informazioni al pubblico ministero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.