fbpx
Regioni ed Enti Locali

Mandorlo in Fiore, alla Polonia il premio del Festival “I Bambini del Mondo”

polonia-folk1È stato assegnato al gruppo “Folk Song Dance Ensemble Lublin” della Polonia il premio Claudio Criscenzo che ha chiuso ieri il XVII Festival Internazionale del Folklore “I Bambini del mondo”.

A consegnarlo in un teatro Pirandello gremito in ogni ordine di posto il sindaco di Agrigento Lillo Firetto e il direttore del Parco archeologico Valle dei Templi Giuseppe Parello.Con loro gli organizzatori di questa meravigliosa kermesse che ormai da anni ha l’incarico di aprire il Mandorlo in fiore, Giovanni Di Maida e Luca Criscenzo. Il premio Claudio Criscenzo, in memoria del co-fondatore del Festival, non vuole essere un semplice riconoscimento al gruppo che si è particolarmente distinto nelle danze, musiche o costumi, ma piuttisto a quello che ha saputo trasmette e evidenziare con la propria performance i valori di pace, solidarietà, fratellanza tra i popoli che sono le finalità proprie del Festival.

Una serata speciale quella di ieri al Teatro Pirandello, lo spettacolo dei gruppi folkloristici è stato arricchito dalla presenza di valenti artisti agrigentini, che in passato hanno collaborato con Claudio Criscenzo, messi insieme per loccasione dal presidente e co-fondatore del Festival Giovanni Di Maida. Osvaldo Lo Iacono e Caudia Puma, Alexandra Di Maida e Peppe Sciortino. Ospite donore Rita Botto, cantante catanese, una delle più belle voci della Sicilia accompagnata sul palco del Pirandello un gruppo di musicisti agrigentini eccezionali, Mimmo Pontillo, Mario Vasile, Gaetano Agrò, Angelo Sanfilippo, Rodolfo Pagano, Peppe Cammarata e Rino Boccadoro.

Ultimo appuntamento dei Bambini del mondo questa sera per la Fiaccolata dell’amicizia dove passeranno il testimoni ai grandi che proseguiranno il 72esimo Mandorlo in Fiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.