fbpx
Apertura Cronaca

Marittimo ucraino disperso in mare? Aperta una inchiesta

Un marittimo di nazionalità ucraina disperso da due giorni. La Procura della Repubblica di Agrigento vuole vederci chiaro ed ha così disposto un decreto di perquisizione e di sequestro della grossa imbarcazione cargo, battente bandiera ucraina che dovrebbe approdare al porto di Porto Empedocle per le ispezioni con le unità cinofile e della polizia Scientifica di Palermo.

L’uomo sarebbe caduto in mare, ma da qual momento nessuna traccia sul corpo. Una probabile certezza che però passa da alcuni punti interrogativi: vi è stata una colluttazione? qualcuno lo ha spinto in mare? o si tratta semplicemente di un fatale incidente?

Dubbi che saranno risolti presto dalle indagini disposte dai pm agrigentini. La nave sarà dunque passata sotto la lente d’ingrandimento degli investigatori per trovare eventuali tracce utili.

Secondo la ricostruzione dei fatti, l’uomo era sbarcato con un ormeggiatore a Porto Empedocle e, dopo aver fatto rientro sulla nave cargo, ferma a circa 4 miglia dalla costa, è stata segnalata la sua assenza. Lanciato l’allarme gli uomini della Guardia Costiera hanno avviato i controlli insieme ai poliziotti del locale commissariato di Frontiera. Sentiti i membri dell’equipaggio, ma del corpo nessuna traccia; a lavoro anche i sub per cercare tracce nei pressi dello scafo della nave.

Indagini sono in corso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.