fbpx
Regioni ed Enti Locali

Mattarella ad Agrigento, il Capo dello Stato nei luoghi di Pirandello – FOTO

img-20170706-wa0008Arriva ad Agrigento il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione delle celebrazioni del 150° anniversario della nascita del drammaturgo agrigentino Luigi Pirandello.

Il Capo dello Stato, dopo l’arrivo in elicottero, è giunto in contrada Caos alla Casa Natale del premio Nobel, dove ha avuto modo di visitare la Casa Museo e i luoghi vissuti in gioventù dallo scrittore agrigentino. Dopo una breve cerimonia, la prima carica dello Stato si è spostato alla Valle dei Templi, luogo in cui è avvenuta la manifestazione per la consegna del “Premio Pirandello” che quest’anno, come già preannunciato, è andato all’attore Toni Servillo. Presente anche un altro voto noto del cinema, l’attore Michele Riondino, celebre per la sua interpretazione nella serie televisiva “Il giovane Montalbano”, che ha ricevuto un altro premio speciale.  È stato proprio Michele Riordino, visibilmente emozionato, a ricevere per primo il premio dopo le motivazioni lette dall’attore teatrale Sebastiano Lo Monaco. Queste le motivazioni del premio: “Michele Riondino rappresenta una delle più interessanti figure del cinema e del teatro italiano degli ultimi quindici anni. Nato a Taranto nel 1979, dopo aver frequentato l’Accademia d’Arte drammatica ‘Silvio D’Amico’, ha esordito prima nel mondo del teatro e poi si è impegnato con grande versatilità in un’intensa attività filmica, articolata tra cinema e televisione. La sua personalità artistica si è sviluppata con graduale espressività attraverso una serie di performance drammatiche che hanno messo sempre meglio in evidenza l’abilità, nella resa drammaturgica, delle dinamiche narrative, la capacità di impadronirsi, con piena immedesimazione empatica, dei ruoli assegnatigli, la flessibilità mimetica nell’adozione delle maschere narrative di volta in volta portate in scena. Michele Riondino ha lavorato con numerosi Maestri della macchina da presa, come Marco Risi, Marco Bellocchio, Paolo e Vittorio Taviani e Mario Martone, con il quale, dopo il Noi credevamo del 2010, ha interpretato ne Il giovane favoloso nel 2014 il ruolo di Antonio Ranieri, l’amico del cuore di Giacomo Leopardi. È anche un volto noto e apprezzato della televisione italiana: ha lavorato con numerosi autori televisivi, interpretando ruoli importanti in molte serie tv. Quello che ci piace maggiormente ricordare è il ruolo da protanista svolto nelle serie ‘Il giovane Montalbano’, diretto da Gianluca Maria Tavarelli, su testi di Andrea Camilleri, nome eccellente della narrativa contemporanea e prestigioso figlio di questa terra di Sicilia. Andrea Camilleri è un nome che ricorre nella vita teatrale di Michele Riondino: con la supervisione di Camilleri sui testi, nel 2012, ha infatti diretto un’opera teatrale, La Vertigine del Drago, di Alessandra Mortelliti, andata in scena al Festival dei Due Mondi di Spoleto. In tutte le sue performances, sia di attore che di regista, Michele Riondino ha saputo anteporre la forza della rappresentazione alle ragioni del testo rappresentato, mostrando in questa eccezionale chiave espressiva una perfetta sintonia con la tradizione pirandelliana della narrazione drammatica. La scena prevale sulla trama, l’attore prevale sulla figura: Michele Riondino, leggero di anni, ma carico di esperienza e ricco di passione teatrale, si colloca a pieno diritto nella filiera pirandelliana e per questo merita il nostro riconoscimento e il nostro augurio“.

Prima di lui il discorso del Sindaco di Agrigento Lillo Firetto che, nel dare il benvenuto al Capo dello Stato, ha voluto parlare della tragica situazione della Cattedrale della città dei Templi.

La commissione, composta dal presidente emerito della Fondazione Sicilia, Gianni Puglisi, dal presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Giovanni Ardizzone, dal vicepresidente della Fondazione Federico II Antonio Venturino, dal presidente della Fondazione Sicilia Raffaele Bonsignore, dal direttore generale della Treccani, Massimo Bray, dal regista Roberto Andò, dal sindaco di Agrigento Lillo Firetto e dal presidente dell’associazione Strada degli Scrittori, Felice Cavallaro, hanno individuato i due premiati in base alle seguenti motivazioni.
Toni Servillo: “Artista tra i più prestigiosi del panorama internazionale, Toni Servillo si iscrive nel solco di una tradizione di grandi interpreti incarnata da figure indimenticabili come quelle di Marcello Mastroianni e Gian Maria Volontè, attori-creatori che hanno saputo proiettare con l’universalità della loro arte l’immagine dell’italiano in ogni latitudine. Nato nel 1959 ad Afragola, Servillo ha dominato la scena teatrale sotto il segno di Eduardo De Filippo, portando in tourneè nel mondo la sua compagnia dei Teatri Uniti, da Parigi a Londra, da Madrid a San Pietroburgo, da Chicago a New York, sotto l’insegna del Piccolo Teatro di Milano. Il suo volto scavato, la sua voce irresistibile, la sua intelligenza e la sua cultura raffinata, hanno in breve tempo segnato anche il meglio del cinema italiano, sino alla consacrazione dell’Oscar per “La Grande Bellezza”. Nella folgorante galleria tratteggiata dai suoi personaggi, Servillo ha “pirandellianamente” mescolato i confini che separano il cinema dal teatro, la realtà dalla finzione, o, per dirla con Sciascia, il volto dalla maschera, raccontando di volta in volta l’uomo del dubbio, l’uomo scisso, l’uomo del potere, l’uomo della pietà e del mistero. Il suo metodo, umile e semplice, prevede che il talento sia continuamente rinnovato dallo studio, dall’applicazione, dall’intelligenza, dal lavoro. Per dirla con un grande maestro del cinema mondiale, Martin Scorsese, ‘Servillo è un attore incredibile, da cui non si riesce a distogliere lo sguardo”.

Un attore incredibile al quale non si riesce a distogliere lo sguardo che ha affermato che “dopo Pirandello il teatro non è più stato lo stesso“. A consegnare il premio il presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone. 

Sergio Mattarella in prima fila ha assistito all’intera manifestazione accanto al cardinale Francesco Montenegro. Una visita non ufficiale quella del Capo dello Stato, che non ha previsto alcun intervento. Una presenza che ha voluto rendere omaggio alle celebrazioni del 150° anniversario della nascita di Luigi Pirandello.

img_6174 img_6175 img_6176 img_6178 img_6179 img_6180 img_6181 img_6182 img_6183 img_6186 img_6187 img_6188 img_6189 img_6190 img_6191 img_6192 img_6193 img_6194 img_6195 img_6196 img_6197 img_6198 img_6199 img_6200 img_6201 img_6202 img_6203 img_6204 img_6205 img_6206 img_6207 img_6208 img_6209 img_6210 img_6211 img_6212 img_6213 img_6214 img_6215 img_6216 img_6217 img_6218 img_6219 img_6220 img_6221 img_6222 img_6223 img_6224 img_6225 img_6226 img_6227 img_6228 img_6229 img_6230 img_6231 img_6232 img_6233 img_6234 img_6235 img_6236 img_6237 img_6238 img_6239 img_6240 img_6241 img_6242

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.