fbpx
Apertura Cronaca

“Morì dopo intervento chirurgico”: quattordici medici nel registro degli indagati

Finiscono nel registro degli indagati quattordici medici accusati di omicidio colposo. Si tratta di sanitari di alcuni reparti degli Ospedali “San Giacomo d’Altopasso” di Licata, “Barone Lombardo” di Canicattì e di Gela.

I fatti riguardano la morte di un 60enne di Caltanissetta sottoposto ad un intervento chirurgico al femore all’Ospedale di Licata. L’uomo, dopo l’intervento avrebbe avuto – secondo l’esposto presentato dai familiari – una infezione che sarebbe stata trascurata e sarebbe conseguenza di un errato trattamento sanitario.

Il 60enne dopo essersi sottoposto all’intervento fu ricoverato nuovamente all’ospedale di Licata, e successivamente al nosocomio di Canicattì e poi a quello di Gela, prima della morte avvenuta lo scorso 11 agosto.

Il pm di Agrigento, dopo l’esposto dei familiari della vittima, ha così disposto l’iscrizione del registro degli indagati per quattordici medici (alcuni dei quali rappresentati e difesi dagli avvocati Alfonso Neri, Salvatore Pennica, Giuseppe Nicoletti, Tatiana Pletto e Vincenzo Caponnetto) e l’autopsia sul corpo dell’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.