fbpx
Regioni ed Enti Locali

Naro, celebrato il 54° anniversario della tragica scomparsa del Maresciallo Capo dell’Arma dei Carabinieri Calogero Vaccaro

calogero-vaccaro-1Oggi, 30 giugno 2017 è stata celebrata la ricorrenza del 54° anniversario della tragica scomparsa del Maresciallo Capo dell’Arma dei Carabinieri Calogero Vaccaro, Medaglia d’Oro al Merito Civile alla memoria, ucciso il 30 giugno 1963 a seguito di proditorio attentato dinamitardo occorso in località Ciaculli, in provincia di Palermo.

Per la circostanza, alle ore 09.30 – presso il cimitero di Naro – è stato deposto un mazzo di fiori sulla tomba del militare vittima del dovere, alla presenza dei familiari e delle autorità civili e militari provinciali.

Successivamente, alle ore 10.00, è stata celebrata da Don Giovanni Mangiapane una Santa Messa presso la locale Chiesa Sant’Agostino, alla quale hanno partecipato i congiunti del decorato, la vedova sig.ra Calogera Alaimo ed il figlio Ignazio, le Autorità provinciali, il Sindaco di Naro ed altre autorità civili e militari, nonché rappresentanze provinciali dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo della Sezioni di Agrigento, Licata e Palma di Montechiaro.

Al Maresciallo Capo Calogero Vaccaro fu tributata la Medaglia d’Oro al Merito Civile “alla memoria” con la seguente motivazione:
Con eccezionale coraggio ed esemplare iniziativa, nonostante il clima di forte tensione per il rischio di possibili attentati mafiosi, non esitava unitamente ad altri colleghi a ispezionare un’autovettura abbandonata, al cui interno un ordigno era stato disinnescato dai militari artificieri, venendo mortalmente investito dalla violenta deflagrazione di un ulteriore ordigno proditoriamente occultato nel vano portabagagli. Chiaro esempio di elette virtù civiche ed altissimo senso del dovere, spinti fino all’estremo sacrificio”. 30 giugno 1963 – Località Ciaculli – Palermo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.