fbpx
Apertura Regioni ed Enti Locali

Nave “Diciotti”, dopo l’ispezione sanitaria chiesto lo sbarco per 16 migranti – FOTO

CATANIA – Situazione di calma apparente oggi a Catania: sul molo del porto del capoluogo etneo le ore trascorrono con la stessa “normalità” della settimana appena trascorsa.

Un presidio di poliziotti e carabinieri impedisce di avvicinarsi troppo alla nave Diciotti, solo medici ed addetti ai lavori possono stare ai margini del molo ed all’interno del mezzo. Nel frattempo, anche a distanza, si notano i migranti a bordo sotto gli oramai famosi tendoni verdi: c’è chi sta seduto, chi passeggia e chi anche lava e stende qualche indumento.

Sembra strano a dirsi, ma la tensione politica e mediatica attorno a questa nave appare lontana dal molo in cui la Diciotti è ancorata. L’unico elemento che testimonia la forte attenzione sia dei media italiani che europei sul caso, è la fitta presenza di giornalisti sulla banchina: il cordone di mezzi, telecamere e cronisti attorno la nave ben fa intuire quanto sta accadendo in questi giorni a Catania.

Nel frattempo la città si prepara anche alla manifestazione che si terrà in questo sabato pomeriggio: sono attesi diversi gruppi, il corteo chiederà il via libero definitivo dell’approdo dei 150 migranti a bordo e l’accoglienza degli stessi.

La nave Diciotti, come si ricorderà, è approdata a Catania dopo aver soccorso 177 migranti a largo di Lampedusa: il ministro delle infrastrutture, Danilo Toninelli, ha dato il via libera per l’attracco del mezzo della Guardia Costiera a Catania, ma il ministro degli Interni Matteo Salvini ha negato lo sbarco. E la polemica è adesso politica e riguarda l’Italia, ma anche i rapporti tra Roma e Bruxelles.

Nei giorni scorsi la procura di Agrigento ha aperto un’inchiesta: il procuratore Patronaggio proprio in queste ore è a Roma per interrogare funzionari del Viminale. L’accusa, a carico al momento di ignoti, è di sequestro di persona e questo ha ulteriormente acuito la polemica: proprio Matteo Salvini, in un video registrato giovedì, ha chiesto al procuratore Patronaggio di indagare su di lui e non contro ignoti, assumendosi la responsabilità della decisione di non fare sbarcare i migranti.

Dei 177 inizialmente a bordo, 27 sono scesi pochi giorni fa: tra loro anche due donne. Intanto il comandante della Diciotti, Massimo Kothmeir, ha smentito i problemi sanitari a bordo. I migranti, secondo il comandante, hanno ripreso a mangiare dopo lo sciopero della fame ed anche se ci sono casi di scabbia a bordo la situazione appare sotto controllo.

A bordo in gran parte, come affermato dal personale delle forze dell’ordine al molo di Catania, sono dell’Eritrea: ben 130 su 150. Due sono invece i siriani, un migrante è originario dell’Egitto, uno della Somalia, dieci delle isole Comore.

AGGIORNAMENTO ORE 15:

Dopo l’ispezione medica condotta dagli ispettori del ministero della Salute e dai medici degli Uffici di sanità marittima, aerea e di frontiera e regionali per sedici migranti è stato chiesto lo sbarco immediato dalla nave “Diciotti”. Si tratta delle undici donne e di cinque uomini di cui due ai quali è stata riscontrata una sospetta tubercolosi. A chiedere lo sbarco, secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa, il comandante della nave.

Mauro Indelicato

Foto dell’inviata di infoagrigento.it Vanessa Miceli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.