fbpx
Apertura Cronaca

“Nessuna corruzione”: assoluzione per il già presidente della Provincia Eugenio D’Orsi

Assoluzione “perchè il fatto non sussiste” in Corte d’Appello per il già presidente della Provincia Regionale di Agrigento Eugenio D’Orsi. 

I giudici di secondo grado hanno infatti ribaltato la sentenza inflitta nel maggio del 2017 dai giudici del Tribunale di Agrigento poiché ritenuto responsabile di “corruzione per l’esercizio della funziona pubblica”. Ribaltata così la condanna a quattro mesi di reclusione con una assoluzione piena.

La vicenda, come si ricorderà, riguardava l’acquisto da parte della Provincia Regionale di Agrigento di alcune piante da un vivaista, prossimo alla chiusura, che si assicurò – secondo l’accusa – l’appalto dopo che alcune palme finirono nella villa di Montaperto del già presidente D’Orsi.

D’Orsi, difeso dall’avvocatessa Daniela Posante, dopo la condanna era ricorso ai giudici d’Appello che si sono espressi nel merito, cancellando così il verdetto di primo grado con una sentenza di assoluzione.

Secondo la tesi difensiva non vi sarebbe stata alcuna corruzione poiché non vi era alcun nesso funzionale fra e palme piantate nella villa dell’allora presidente e l’acquisto delle piante fatte dalla Provincia.

Finisce così, con molta probabilità, la lunga vicenda processuale che ha visto uscire indenne da ogni accusa l’ultimo presidente della Provincia Regionale di Agrigento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.