fbpx
Regioni ed Enti Locali

“No” alla gestione privata della Scala dei Turchi: il grido del Comune di Realmonte – FOTO E VIDEO

Ci opporremo, ci opporremo, ci opporremo“. Con queste parole il Sindaco di Realmonte, Calogero Zicari, è intervenuto stamani nel corso della conferenza stampa organizzata per dire un fermo “No” alla gestione privata della Scala dei Turchi, pronta a diventare Patrimonio dell’Umanità.

Presenti numerosi Sindaci dell’agrigentino, con in testa alcuni parlamentari regionali e nazionali. Una concessione che negli ultimi mesi è stata oggetto di una e propria telenovela che da un lato ha visto il proprietario del bene, con la gestione affidata all’associazione ambientalista MareAmico Agrigento, e dall’altro l’amministrazione comunale che rivendica la proprietà.

Una vicenda che ha origine in alcune particelle (le 334-335-336 del foglio di mappa catastale numero 23 ndr) della Scala dei Turchi che risulterebbero di proprietà di un 70enne di Realmonte e che negli ultimi anni ha visto addirittura l’apposizione sulla marna bianca di alcuni cartelli con la scritta “Proprietà privata“.

La scoperta, quasi per caso, fu fatta pochi anni fa, quando i tecnici del Comune di Realmonte osservarono planimetrie e mappe, rendendosi conto che la linea demaniale si interrompe proprio davanti alla Scala dei Turchi, dove comincia una proprietà privata che dalla campagna si estende fino agli scogli.
Dalla scoperta, iniziò un vero “braccio di ferro” fra Comune e proprietario che ha voluto affidare la gestione all’associazione ambientalista che prevede, per i visitatori, un ticket di ingresso di 3 euro, da destinare poi ad interventi per la tutela della famosa Scala.

A questo si oppone il Comune di Realmonte. Chiediamo la titolarità del bene per usucapione” afferma il Sindaco di Realmonte, Calogero Zicari che ha fatto sapere di avere già depositato l’atto di citazione verso il proprietario al fine di definire la vicenda.

La Scala dei Turchi è pubblica perché l’abbiamo posseduta da sempre, da tempo immemorabile, e così dovrà rimanere“. Sulla possibile gestione che prevede il ticket di ingresso, il Sindaco Zicari afferma: “la settimana scorsa abbiamo già depositato presso il Tribunale di Agrigento un atto di citazione dove diciamo che i veri proprietari del bene siamo noi (Comune ndr) perchè l’abbiamo sempre posseduto. Sulla gestione, a partite dal primo maggio saremo qua con un servizio civico, composto da cittadini di Realmonte, che staranno sulla Scala a gestirla, a fare informazione. Questo affinchè la fruizione sia più corretta possibile“.

Presenti alla conferenza stampa anche i deputati e i Sindaci di numerosi comuni dell’agrigentino: “La sensibilità – ha sottolineato Zicari – non soltanto dei sindaci, è cambiata. Abbiamo capito che la nostra più grande risorsa è il territorio“.

Una “guerra” dunque che finirà nelle aule dei Tribunali. Ma cosa accadrà è ancora presto saperlo, ma già il primo cittadino di Realmonte sembra avere le idee chiare: “se dovesse servire, sono pronto a dormire qui“.

(Guarda la videointervista)

img_4174 img_4175 img_4176 img_4177 img_4178 img_4179 img_4180 img_4181 img_4183 img_4184 img_4185 img_4186 img_4187 img_4188 img_4189 img_4190 img_4192 img_4193 img_4194 img_4196 img_4198

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.