fbpx
Cronaca

Omicidio Loris: Veronica aveva intenzione di fuggire?

 

Loris StivalUlteriori indiscrezioni trapelerebbero all’indomani delle nuove agghiaccianti dichiarazioni di Veronica Panarello.

La donna che ha prima confessato al marito il fatto che Loris non lo avesse accompagnato a scuola, avrebbe fatto accendere in David Stival una “lampadina”. Il papà del piccolo Loris, così come riportato sul settimanale “Giallo”, avrebbe ricordato delle frasi strane pronunciate da Veronica il giorno della scomparsa del figlio.

Mentre Davide era stato avvisato del fatto che Loris fosse scomparso nel nulla e stava facendo ritorno con il suo camion, la moglie avrebbe pronunciato parole cui allora il papà di Loris non riuscì a dare un reale significato, ma, alla luce dell’ammissione dell’occultamento del cadavere del piccolino, quelle frasi avrebbero un senso ben preciso: Veronica avrebbe voluto darsi alla fuga.

La donna, mentre Davide era di ritorno in Sicilia per cercare Loris, avrebbe chiesto al marito informazioni sul suo conto corrente e poi avrebbe parlato insistentemente di fare un viaggio insieme tant’è che a questa richiesta lo Stival aveva pensato che il piccolo fosse stato ritrovato ma, quando aveva chiesto informazioni lei aveva risposto dicendo che stavano aspettando lui per le ricerche. Cosa possono significare queste frasi? E’ possibile che Veronica dopo aver ucciso suo figlio o avere, come lei sostiene, occultato il cadavere, aveva anche pensato a una fuga, un viaggio per scappare lontano da tutto?

Altro particolare emerso nel “post confessione” riguarda le maledette fascette che avrebbero provocato la morte del piccolo Loris. Davide Stival dichiara in questura: “Mia moglie mi ha sollecitato a cercarle e anziché trovarle nello scaffale dove le custodivo, le ho trovate a terra, nella confezione di plastica aperta. Dapprima le ho poste in visione alle maestre, quindi ho subito chiamato il dottor Ciavola (capo della polizia) e l’ho messo al corrente

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.