fbpx
Cronaca Regioni ed Enti Locali

Palma di Montechiaro, demolizioni costruzioni abusive: le accuse al Sindaco

tribunale agrigentoEmergono i primi particolari sull’inchiesta della Procura della Repubblica di Agrigento nei confronti del Sindaco di Palma di Montechiaro, Stefano Castellino (in foto), accusato di non avere proceduto con le demolizioni delle costruzioni abusive.

Per l’accusa, il primo cittadino che, come si ricorderà, dopo l’insediamento avrebbe “bloccato” qualsiasi tipo di decisione pregressa, compresa quella sul proseguo delle demolizioni, che avessero potuto avere incidenze sul bilancio comunale. L’iscrizione nel registro degli indagati è per le ipotesi di reato di abuso d’ufficio, falso ideologico e omissione di atti d’ufficio.

L’interrogatorio del primo cittadino si terrà giorno 18 ottobre. Per la procura della Repubblica, coordinata dal procuratore capo Luigi Patronaggio, il Sindaco avrebbe “procurato un ingiusto vantaggio patrimoniale a (omissis) la cui seconda abitazione di villeggiatura, abusivamente realizzata in zona di inedificabilità assoluta e attestata con sentenza passata in giudicato, veniva illecitamente mantenuta in piedi nonostante fossero già state disposte tutte le procedure per la demolizione“. Inoltre, nell’atto notificato, si legge che avrebbe “ostacolato, in tema di demolizioni degli immobili abusivi, l’attività dei funzionari pubblici addetti all’Utc con l’emanazione di una serie di atti che prevedevano l’annullamento di gare già espletate e lo storno di fondi destinati alle demolizioni, procurando a se ingiusti vantaggi di tipo elettorale“.

Secondo l’accusa dunque, il Sindaco avrebbe “omesso di procedere alle demolizioni degli immobili abusivi, edificati in zona di inedificabilità assoluta, attestati con sentenza passata in giudicato, che per ragioni di giustizia dovevano essere demoliti senza ritardo“.

A notificare l’atto di avviso di comparire in procura al primo cittadino, sono stati i Carabinieri che hanno anche sequestrato alcuni documenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.