fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Premio Ganduscio e Menzione d’onore al Premio Costa per il poeta dialettale licatese Lorenzo Peritore

concorso-mariacostaUna Menzione d’Onore ed un Primo Premio nel giro di poche ore per il poeta dialettale licatese, Lorenzo Peritore, che continua a riscuotere ampi consensi per i suoi versi molto toccanti e pieni di amore, capaci di trasmettere emozioni.

Con una splendida motivazione ha prima incassato con l’opera “Paroli” la Menzione d’Onore al Concorso Letterario “Maria Costa” di Messina e poi ha ricevuto la splendida notizia del I° Premio del Concorso Nazionale “Giuseppe Ganduscio, una poesia per la Pace” promosso dall’Auser di Ribera.

Sono davvero commosso – ha dichiarato il poeta Lorenzo Peritore – per l’attenzione e l’apprezzamento per i miei versi”.

Davvero bello quanto ha scritto la Giuria del Premio di Poesia in Lingua Siciliana “Maria Costa”, che ha il Patrocinio della Città Metropolitana di Messina e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Messina, presieduta da Lucrezia Lorenzini, e composta da: Daniela Evoli, Gaetano Interlandi, Giusi Contraffatto, Lucrezia Lorenzini e Veronica Riolo.
E’ stata la componente Daniela Evoli a firmare la motivazione condivisa da tutta la giuria: le parole hanno il potere di distruggere e di creare, ma se sono sincere e gentili possono cambiare il mondo. Riflessioni quelle di Lorenzo Peritore che arrivano dirette all’anima del lettore. S’immerge intimamente nella lirica dove le parole acquistano significati importanti creando un’immagine ben disposta nella mente”.

La cerimonia di consegna della Menzione d’Onore si è svolta sabato 14 ottobre a Messina.
Invece sarà comunicata nei prossimi giorni la data dell’evento in cui saranno consegnati i Premi Ganduscio a Ribera. Lorenzo Peritore ha vinto con il componimento “Amuri unn’hava età” il primo e unico premio per la poesia in dialetto siciliano.

La Giuria, formata dalla Presidente dell’Auser di Ribera, Giovanna Valenti, dalla coordinatrice dell’Università della Terza Età, Elvira Manca, dalla componente del direttivo Auser, Maria Vento, e dalla docente Enza Indelicato ha anche comunicato che la poesia premiate, insieme alle altre che hanno ottenuto riconoscimenti, saranno inserite in una pubblicazione che sarà consegnata in occasione della cerimonia di consegna, la cui data sarà comunicata ai vincitori nei prossimi giorni.

Lorenzo Peritore, 71 anni è autore di due libri di poesie “Rimaniamo in rima” (Bonanno Editore) e “Rime di Speranza” (Vitali Editore) ha vinto numerosi premi di poesia con componimenti sia in dialetto che in italiano. Ha partecipato come ospite fisso alla rassegna “LicatAutori” che si svolge in agosto a Licata.

Di seguito le due poesie:

P A R O L I
Nu munnu esistinu miliardi di paroli
di tanti lingui e significati vari
e pi sapiri ognuna chi vò diri
basta circari ni vocabolari.

Ma l’omu ca un si ferma nenti nenti
di fari sempri spirimenti e provi,
oltri ammintàri cosi materiali
cerca ogni giornu attri paroli novi.

Unn’hava propriu sensu sta ricerca
cunsidirannu ca sunnu in bonu statu,
un saccu di paroli già esistenti
ca pi tant’anni un s’hannu mancu usatu.

Chi nni pinsati da parola paci
ca è nica nica ma d’impurtanza ranni
ca di quant’hava ca fu misa i latu
si spara notti e giornu a tutti banni?

E’ na parola ca ìncia u cori a tutti,
ca nascìa pulita e ginuina,
ma di quant’hava ca i bummi a fitinziaru
tutta l’umanità cadìa in ruvina.

Fussa l’ura ca a parola guerra
s’abbannunassa p’essiri archiviata
p’accuminciari a usari paci,
ca è nova nova pirchì unn’ha statu usata.

E da parola beni che ca vi nni para?
Attra parola ca un s’usa quasi mai
nonostanti si putissa utilizzari
p’alleviari in tuttu u munnu tanti guai.

Utilizzarla pi fari un pocu i beni
a tanta genti ca a suffriri è cunnatata
o a tanti picciliddi morti i fami
abbannunati suli mmenzu a strata!

E da parola onestà chi mi diciti ?
Vattri u sapiti unni s’arridducìa ?
Ia, dettu na taliata supra supra,
ma du vocabolariu mi para ca sparìa.

Tant’attri parulazzi a soppiantaru
comu, delinquenza, ipocrisia e farsità,
praticamenti ci fu misu dis davanti
e d’onestà addivintà disonestà.
Attri vocabuli c’addivintaru rari
sunnu : rispettu, ducazioni e lealtà
e pi curpa di co è ca u nni fà usu,
si stà sciarriannu tutta l’umanità.
Circammu sempri vocabuli moderni
senza sensu, inutili e vacanti,
e tant’attri cini di cuntenutu,
mancu l’usammu e l’avemmu di davanti.

Fussa l’ura ca ni vocabolari
si ci dassa na bedda ripulita,
spirannu ca na picca di cristiani
si dicidissiru a cangiari vita.

Menzione d’onore al concorso Maria Costa di Messina (Gesso)

AMURI UNN’HAVA ETA’
Cuncetta e Giacuminu
ormai già vicciareddi
s’avivinu canusciutu
quann’erinu caruseddi

Frequentavinu a stessa scola,
abitavinu quasi o latu
e a furia di praticarisi
s’avivinu nnamuratu

Carusi appassionati
e vidè cini d’arduri
progrettaru di maritarisi
giurannusi eternu amuri

Ma a sorti disgraziata
quannu tu menu t’aspetti
ti s’arrivota contru
e abbruscia i to progetti

E fu proprio a mala sorti
ca a Cuncetta e a Giacuminu
si ci misa di traversu
e ci cangià u distinu

Pa malatia du patri
e pa murtalità,
costrettu du bisognu
Giacuminu si nni scappà

P’aiutari a so famiglia,
abbannunà l’Italia
e in cerca di furtuna
espatrià in Australia

Passaru i iorna e i misi,
passaru puru l’anni
e Cuncetta e Giacuminu
si ficiru beddi ranni
Giacuminu tuttu u tempu
c’arristà fora, espatriatu
ca testa ni Cuncetta
un s’aviva maritatu
Tantu ca già rannuzzu
piglià a so dicisioni
di turnari arrè o paisi
pi godisi a pinzioni
Ma appena misa pedi
nattra vota na so terra
dintra d’iddu e nu so cori
si ci scatinà na guerra
Quannu seppa ca Cuncetta
pinzannu o primu zitu
un s’aviva mai dicisu
di truvarisi un maritu

E appena si rivittiru
ntisiru arrè u bisognu
di parlari di matrimoniu
pi coronari u sognu
Senza perdici assai tempu
cunsidirati l’anni,
avviaru i preparativi
e appizzaru vidè i banni
Na matina Giacuminu
e a so promessa sposa
traseru a farmacia
pi mburmarisi di na cosa
E fu propriu Cuncetta
rivulgennusi o farmacista
ca ci ficia sta dumanna
pruiennucci na lista
Prefessù, lei m’hava a diri
pi sapirimi quartiari
se i cosi di st’elencu
ni vossia i pozzu truvari
I catetiri, per esempiu,
l’insulina e i pannoloni,
a codda pi dinteri
e i pinnuli pa pressioni

Signurì, stassa tranquilla
ci arrispusa u farmacista,
un mi manca propriu nenti
di prodotti di sta lista
Anzi ci dicu puru,
se siti ‘nteressati,
c’haiu u mangiari pu diabeti
e vidè l’omogenizzati
Giacumì, u sta sintennu
chi gran cummidità?
Chi nni pensi se a lista nozzi
a priparammu ccà?

Primo posto premio unico nella sezione dialetto a tema libelo concorso Auser Ribera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.