fbpx
Cronaca

Processo all’ex sindaco Sodano, la difesa: “nessun accordo con Cosa Nostra”

calogero sodanoIeri è stato il turno della difesa dell’ex sindaco e senatore Calogero Sodano (in foto). Dopo la requisitoria dell’accusa nella quale sono stati chiesti 8 anni di reclusione per l’ex esponente politico agrigentino, l’avvocato Salvatore Pennica, uno dei legali di Sodano, nella sua arringa ha ribattuto punto su punto sulle accuse del pm della Dda, Giuseppe Fici.

Secondo le tesi del pm, Sodano avrebbe ricevuto voti dal boss Messina che “avrebbe fatto una raccolta di voti per sconfiggere il candidato rivale Giuseppe Arnone”.

L’avvocato Salvatore Pennica ha invece sostenuto che: “Il pm sostiene che Sodano avrebbe truccato tre appalti per ricambiare favori elettorali avuti dal bossi di Villaseta Arturo Messina. Sono stati fatti tre processi che hanno escluso qualsiasi responsabilità, adesso non si può fare finta che non esistano e dare una chiave di interpretazione diversa”. Secondo l’accusa Sodano per ricambiare i voti promise di diventare “a totale disposizione di Cosa Nostra”. Pennica ha ribattuto: “In nessun modo è provato che ci sia stata una contropartita nel presunto accordo con Cosa nostra”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.