fbpx
Economia Italia

Pubblicità sulle opzioni binarie: sono tutte truffe?

tradingCapita sempre più spesso di avere a che fare con questo termine del quale molti ancora ignorano il significato: opzioni binarie. Una parola apparsa di recente nel panorama della rete e che ha, per certi versi, stravolto il funzionamento degli investimenti tramite web.

Oggi sono tantissimi gli utenti che decidono, quotidianamente, di affidarsi ad internet per investire i propri soldi. Un approccio fresco e nuovo che va a prevedere l’uso delle tecnologie multimediale per fare ciò che un tempo poteva essere portato a termine solo e soltanto con un approccio fisico.

Ebbene in seno a questo nuovo strumento, il trading online abbreviato per maggiore facilità in TOL, sono nati tantissimi prodotti affini e paralleli tra i quali l’utente può andare a scegliere. E quello che ad oggi è, forse, il più famoso, ma sicuramente il più chiacchierato e discusso, è proprio quello delle opzioni binarie.

Se ne è parlato e se ne continua a parlare tanto; a tale prodotto è stato dedicato finanche un servizio da parte della trasmissione televisiva Le Iene. In rete è pieno di messaggi promozionali tesi a promuoverle, spesso anche in modo un po’ distorto e non del tutto aderente alla realtà.

E allora per iniziare a mettere un po’ di ordine è fondamentale capire cos’è il trading delle opzioni binarie e a cosa si fa riferimento con questo termine. Diciamo subito che le opzioni binarie rientrano nel novero di quei prodotti finanziari cosiddetti derivati: ovvero, strumenti da investimento il cui valore va a legarsi all’andamento del valore di un altro asset e quindi dipende dal verificarsi nel futuro di un evento osservabile oggettivamente. Tale evento prende il nome di ‘sottostante’ mentre il prodotto sul quale si punta è lo strumento derivato.
Ebbene tramite le opzioni binarie è possibile investire su tutta una serie di prodotti finanziari che va dalle coppie di valute (il Forex) fino alle materie prime, azioni, titoli vari, criptovalute ecc…tanti prodotti sui quali l’utente deve andare ad effettuare una previsione che avrà una duplice possibilità.

In sostanza quello che si deve andare a fare con le opzioni binarie è scegliere un asset di riferimento sul quale puntare; indicare una data precisa, che solitamente è a stretto giro visto che chi investe nelle opzioni binarie ha interessi sul cosiddetto short, ovvero breve periodo; ed effettuare una previsione tesa a indicare se, a quella data indicata, l’asset scelto sarà aumentato o sceso di valore.
Esattamente questo: l’utente ha a disposizione due possibilità di previsione (da qui il nome di ‘binarie’). E basandosi su queste deve andare a stabilire se puntare tutto sul segno ‘più’ o sul segno ‘meno’.

Abbiamo voluto usare la parola ‘puntare’ non in modo casuale. Perché molti, soprattutto coloro i quali criticano aspramente le opzioni binarie, evidenziano come si tratti di un prodotto finanziario assolutamente particolare, sui generis, più simile per l’appunto ad una scommessa che non ad un investimento vero e proprio.
E in effetti le opzioni binarie presentano molti tratti caratteristici di una puntata alla roulette dal casinò. Una scommessa sull’andamento di un prodotto finanziario, che comunque deve sempre essere preceduta da studi attendo dei mercati.

Per accedere alle opzioni binarie è sufficiente registrare un account presso uno dei tanti broker della rete che offre l’opportunità di tradare su questo strumento. In linea generale ormai quasi tutte le piattaforme di trading online consentono l’utilizzo delle opzioni binarie proprio in virtù del fatto che si tratta un po’ dello strumento di punta del TOL. Un qualcosa a cui molti guardano con interesse anche partendo da quanto sopra abbiamo detto: ovvero, dalla assoluta facilità di utilizzo di questo strumento.

Non sono pochi coloro i quali si sentono attratti dalla possibilità di puntare come ad una sorta di ruota del casinò, anche se nella realtà le opzioni binarie restano un prodotto da investimento e non un gioco. Eppure questa loro natura così particolare, ambigua e attraente finisce con l’attirare le attenzioni di moltissimi utenti che spesso iniziano a maneggiarle senza avere neanche le minime conoscenza in campo economico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.