fbpx
Politica

Pullara: “Vigilanza armata per i nosocomi e per gli hub vaccinali”

“Mi giungono ancora segnalazioni e lamentele riguardo la sicurezza all’interno dell’ospedali della regione ma, in questo momento, sono anche molto preoccupato per la sicurezza negli hub vaccinali”.

Ad intervenire è il vice presidente della commissione sanità On. Carmelo Pullara.

“Il tema che riguarda la sicurezza – scrive Pullara- all’interno delle strutture sanitarie a tutti livelli è un argomento sul quale sono intervenuto già diverse volte infatti nell’ottobre del 2019 proposi addirittura un’interrogazione parlamentare, all’allora Assessore Razza per sottoporgli la questioni ma tutto rimase lettera morta e se si fosse attivato come chiedevamo, oggi non ci troveremmo nuovamente ad affrontare il problema.

Ma ciò che in questo momento mi sta preoccupando maggiormente – spiega Pullara- è ciò che sta accadendo, e che potrebbe inevitabilmente accadere, all’interno e all’esterno degli hub vaccinali, dove in questi giorni in cui si sta procedendo con numeri fortunatamente in aumento di somministrazione dei vaccini si prevedono flussi di persone ed i pericoli possono essere sempre in agguato.

Troppe volte le cronache – spiega Pullara – ci parlano di aggressioni nei confronti del personale sanitario e soprattutto nei luoghi più sensibili come nei pronto soccorsi e nelle guardie mediche – afferma Pullara- inoltre le immagini sui social e sui telegiornali ci mostrano che in diversi hub vaccinali, sempre più spesso, accadono fatti incresciosi che minano la sicurezza delle persone, per questo è assolutamente necessario la vigilanza armata. Sarebbe opportuno intervenire a partire dai luoghi di cui mi arrivano le segnalazioni in particolar modo evidentemente della provincia di Agrigento.

Non capisco e non comprendo perché queste soluzioni non si prevedano in autonomia.

Mi appello alla sensibilità del Presidente Musumeci di attenzionare il problema e porre rimedio attivando le dovute soluzioni del caso.

Mi stranisce – conclude il deputato – che sull’argomento anche gli amministratori locali fino ad oggi troppo silenti, non facciano sentire la propria voce”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.