fbpx
Regioni ed Enti Locali

Restauro Valle dei Templi: al via un nuovo bando per la conservazione

Giuseppe ParelloContinua il progetto di manutenzione programmata nel Parco archeologico Valle dei Templi di Agrigento.

Dopo il restauro del quartiere Ellenistico-romano e del tempio della Concordia, effettuato la scorsa estate, ecco che si pongono le basi per un nuovo bando per un ammontare pari a 327.948 mila euro. E’ quanto si apprende dalle colonne del quotidiano “Giornale di Sicilia”. La calcarinite, materiale principe di cui sono costituiti i templi, risente molto delle condizioni atmosferiche quali vento e pioggia, e questo rende necessarie continue opere di manutenzione.

Lavori – viene scritto da Carmelo Bennardo, dirigente del Parco – che costituiscono il punto di partenza per un nuovo approccio alla problematica della conservazione dei monumenti archeologici della Valle. Non dobbiamo più restaurare come opera di necessità – prosegue il dirigente del Parco, Carmelo Bennardo – ma intervenire gradualmente e costantemente con un’ordinaria opera di manutenzione che tenda, con piccoli interventi, a preservare nel tempo i monumenti della Valle”.

Idee chiare quelle del direttore del Parco archeologico Giuseppe Parello (in foto), che già la scorsa estate affermava: “L’iniziativa prevede l’analisi delle condizioni attuali dei Templi e di tutto il patrimonio del Parco archeologico.
Effettuato il monitoraggio sulle condizioni attuali vengono messi a punto gli interventi necessari. L’obiettivo è non arrivare ad un deterioramento tale dei beni da essere necessario, indispensabile, un restauro.

Perché il restauro ha un costo elevato, mentre il chek up, fatto in maniera sistematica, e gli interventi tampone hanno costi ridimensionati. La proporzione – aveva spiegato chiaramente Parello – è di uno a dieci. Uno per gli interventi tampone. Dieci per il restauro”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.