fbpx
Regioni ed Enti Locali

Rotary Club Licata, apprezzata conferenza del sociologo Francesco Pira e dell’avvocato Tony Ragusa sulle insidie del web e la vita social

Un incontro all’insegna dell’attualità quello promosso dal Rotary Club Licata presieduto da Casimiro Gaetano Castronovo, che si è svolto la sera di mercoledì 28 novembre 2019 sul tema” Utilità dei social. Insidie del web e tutela dell’identità digitale”.

Ad aprire i lavori il Prefetto del Club, dottoressa Rosaria Greco, che ha presentato la serata e i due relatori: il sociologo professor Francesco Pira, docente di comunicazione all’Università di Messina e l’avvocato Tony Ragusa, Consigliere dell’Ordine degli Avvocati e di Agrigento. Prima della conferenza il Presidente Castronovo ha nominato socio onorario del Club il sacerdote Don Fabio Maiorana, originario di Ribera ma da 8 anni, parroco a Palma di Montechiaro. Subito dopo sempre il Presidente Castronovo ha introdotto i lavori dando la parola al professor Francesco Pira.
Nel corso della sua relazione sui social network quali luoghi prevalenti di costruzione identitaria dove definire anche la propria intimità, sessualità, genere. Nuove definizioni emergono ogni giorno per catalogare fenomeni, comportamenti, devianze che stanno assumendo un ruolo sempre più centrale nel modo di utilizzare le reti social. La costruzione di relazione, ha sosttolineato il professor Pira, è stata sopraffatta dalla ricerca ossessiva di connessione. Curiosità ha suscitato il ritratto della generazione social, della nuova emergenza sexting, delle nuove forme di cyberbullismo e della prevaricazione che si sostanziano con l’utilizzo di whatshapp, la formazione dei gruppi e con i commenti a link e/o condivisioni di notizie e di immagini.
Subito dopo l’avvocato Tony Ragusa che ha sottolineato come la vita social e soprattutto compiere molte operazioni di tipo economico ed acquisti on line può essere pericoloso. L’avvocato ha riportato una serie di episodi molto gravi che lui stesso ha seguito per difendere i suoi clienti truffati. “C’è stato anche chi ha venduto un camper a dei terremotati. Ma ovviamente non aveva il possesso del mezzo ed ha quindi truffato una persona che non aveva un luogo dove abitare”.
Al termine la consegna da parte del Presidente Castronovo ai relatori di due targhe ricordo. Tanti gli applausi del pubblico presente che ha apprezzato entrambe le relazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.