fbpx
Cronaca Spalla

San Leone, “opera edilizie difformi al porticciolo”: il gip non convalida il sequestro

Non è stato convalidato dal gip del Tribunale di Agrigento Alessandra Vella il sequestro preventivo disposto dal pubblico ministero dopo i sigilli apposti in un noto locale del porticciolo turistico di San Leone.

Secondo il gip, che ha disposto la rimozione dei sigilli, vi sarebbero allo stato alcune richieste autorizzative pendenti che non giustificherebbero il provvedimento di sequestro.

Come si ricorderà, fu la Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Porto Empedocle ad apporre i sigilli ad opere presumibilmente realizzate abusivamente nell’ambito della struttura destinata a Stazione rifornimento carburanti, Bar e Ristorante, sita presso la banchina Nord del porticciolo turistico di San Leone.

Secondo l’accusa, il sequestro era stato disposto per presunte opere e delle varianti realizzate sul pubblico demanio marittimo in difformità all’esistente titolo concessorio, consistenti nel cambio di destinazione d’uso di una porzione di suolo inizialmente destinata ad autolavaggio e trasformata in area giardino/lounge bar, nell’occupazione abusiva dell’adiacente struttura comunale (vasca idrica) dove è stata realizzata una zona dove sono stati sistemati dei tavoli e la recinzione con parapetti in vetro, realizzazione di una scala a chiocciola che conduce ad piano rialzato (non calpestabile) attrezzato a terrazza estiva con il posizionamento di tavoli, parapetti in vetro e piano bar, realizzazione abusiva di una struttura prefabbricata destinata a servizi igienici, ampliamento non autorizzato della sala ristorante e del bar tramite realizzazione di pergotende e strutture laterali in vetro-alluminio, variazioni di livello di parti della superficie demaniale marittima assentita in concessione.

Il gip non ha così convalidato il provvedimento poiché vi sarebbero in corso alcune procedure autorizzative non ancora definite relative ai permessi di occupazione dell’area e del cambio di destinazione d’uso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.