fbpx
Regioni ed Enti Locali

Scuola, abusi legge 104: giovedì sit-in dell’Associazione Insegnanti in Movimento

legge 104Giovedì 16 giungo l’Associazione Insegnanti in Movimento organizzerà alle ore 15, sotto l’Ufficio Scolastico Provinciale di Agrigento un sit-in riguardante gli abusi della Legge 104 e la nuova mobilità contemplata nella Legge 107.

“La Legge 104/92 è una nobile Legge – si legge in una nota dell’Associazione – a tutela dei diritti della salute del cittadino, ma non in provincia di Agrigento, dove tantissime persone “sane”, tra insegnanti e personale scolastico, la usano esclusivamente per entrare in provincia e avvicinarsi a casa. Questo è stato l’obiettivo dell’Associazione “Insegnanti in Movimento, che per un decennio ha denunciato questo meccanismo poi sfociato nell’inchiesta della Procura di Agrigento “La carica delle 104”.

“A seguito dell’inchiesta l’Ufficio Scolastico Provinciale di Agrigento ha effettuato un monitoraggio dei beneficiari di 104 e lo ha consegnato all’INPS perchè una commissione medica ne verificasse la veridicità. L’associazione, nonostante le numerose richieste inviate all’USP, non ha mai ricevuto informazioni o notizie in merito. Sappiamo solo dalla stampa che le 104 revocate sono state circa 600. Ma cosa è successo ai tanti che hanno usato la 104 “falsa” solo per entrare in provincia? Nulla!”.

“Sappiamo che sono stati revocati gli ultimi trasferimenti ma comunque questi soggetti sono rimasti a casa. Questa, a nostro avviso, non è una punizione ma un premio che contribuirà ad un nuovo proliferarsi di 104 “false” in tutto il Paese. Se il governo, come proclamato più volte dal Sottosegretario Faraone, vuole veramente debellare questo meccanismo corrotto, dovrebbe provvedere con punizioni esemplari , rimandando nelle province di provenienza tutti quelli che hanno utilizzato la 104 “falsa” e che adesso sono rimasti, impuniti, sotto casa”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.