fbpx
Cucina

Speciale “Festa dei Morti”. Ecco le ricette della tradizione – I FRUTTI DI MARTORANA

frutti di martoranaUltimo appuntamento con lo speciale “Festa dei morti-le ricette della tradizione”.

La ricetta che vi proponiamo oggi è un po’ più complessa rispetto alle precedenti, ma il risultato e la bontà è garantita, quindi armatevi di santa pazienza perché è la volta dei Frutti di Martorana.

Questi dolci sono una vera e propria opera d’arte della pasticceria siciliana, la loro caratteristica è quella di rappresentare frutta, ortaggi, e talvolta anche alimenti, che vengono finemente riprodotti grazie alla pasta di mandorle. Tipicamente vengono preparati nel giorno della commemorazione dei defunti.

La storia racconta che questo tipo di “frutta” venne inventato la prima volta nel convento fondato nel 1194 dalla nobildonna Eloisa Martorana, per opera delle suore del convento le quali, per omaggiare la visita del Papa del periodo, decisero di replicare i bellissimi frutti della loro terra adornando così tutto il convento.

Ingredienti per circa 20 pezzi:

1 kg di farina di mandorle
1 kg di zucchero al velo
120 ml d’acqua
100 g di sciroppo di glucosio
2 bustine di vanillina
poca essenza di mandorle
vari coloranti alimentari
poco liquore a piacere.

Attrezzature:

Stampini per frutta di martorana.
Preparazione:

Sulla spianatoia mettete la farina di mandorle setacciata. Unite lo zucchero a velo e mescolare bene. Unite la vanillina, mescolare ed unite lo sciroppo di glucosio. Mescolare ed unite l’acqua. Incominciate ad impastare, all’inizio avrete un impasto che si sbriciola ma non demordete continuate ad impastare.
Per ultimo unite l’aroma alle mandorle. Fate riposare per 30 minuti.
Cospargete dell’amido di mais negli stampini per frutta di martorana. Prendete delle piccole porzioni di impasto e passatelo nell’amido. Mettete la pallina nello stampino e schiacciare bene. Con delicatezza staccate l’impasto. Fatela riposare 24 ore. Diluite i coloranti nel liquore e decorate le varie formine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.