fbpx
Regioni ed Enti Locali

Tagli alla Sanità, CGIL: si privatizza servizio pubblico

cgil_funzione_pubblicaDopo le molte promesse e gli appelli accorati dei presidenti di Regione e della stessa Ministra Lorenzin sull’impossibilità di reggere ulteriori riduzioni dei finanziamenti alla sanità, i tagli sono puntualmente arrivati.

Con l’intesa tra Governo e Regioni in attuazione della legge di stabilità, si è persino stravolto il Patto per la Salute, che non ha ancora compiuto un anno e prevede il reinvestimento di eventuali risparmi nei servizi.

Tutti sanno che con questo ulteriore taglio di 2,6 miliardi si ridurranno le prestazioni sanitarie, soprattutto per i cittadini meno abbienti. Di investimenti in prevenzione nemmeno l’ombra. Chi potrà si rivolgerà al privato, gli altri si cureranno sempre meno.

L’Intesa scarica ulteriormente i costi su medici e operatori sanitari, per i quali nell’ultimo Def non si prevedono risorse: anche in questo caso molte promesse, ma senza fatti si resterà 10 anni senza contratto.
Si tagliano persino le risorse del trattamento accessorio, che dovevano essere utilizzate per premiare il merito professionale. E sull’obbiettivo condiviso dell’appropriatezza si usa ancora una volta il bastone invece di agire sugli incentivi: il medico che prescrive cure inappropriate sarà sanzionato e i cittadini rischieranno di pagare di tasca propria le cure. Uno scenario che solo con i decreti attuativi diventerà comprensibile, ma che comunque ci preoccupa. Quali saranno i criteri? Tutte le prescrizioni saranno sottoposte a una verifica? Il rischio e di burocratizzare ulteriormente la sanità, di spingere i medici del servizio pubblico a prescrivere sempre di meno, a curare sempre di meno, e i cittadini a rivolgersi a strutture private per essere seguiti
tempestivamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.