fbpx
Intrattenimento, cinema e Tv

Teatro Pirandello Agrigento: sabato e domenica con “La Centona” di Nino Martoglio

la_centonaSabato 28 febbraio, alle ore 20.30, ed alle ore 17 di domenica 1° marzo, quinto spettacolo della stagione del teatro Pirandello di Agrigento, voluta dal Commissario straordinario del Comune di Agrigento, Luciana Giammanco, e realizzata dal consulente artistico Mario Gaziano.
Per l’occasione Nellina Laganà è la protagonista di “La Centona” di Nino Martoglio, rielaborata dalla stessa Laganà e per la regia di Gianni Scuto.

L’opera, prodotta dal Teatro Stabile di Catania, vede anche la partecipazione di Vitalba Andrea,Fulvio D’Angelo, Riccardo Maria Tarci, Raniela Ragonese, Carlo Ferreri e Giovanni Santangelo. Le scene ed i costumi sono di Giovanna Giorgianni, le musiche di Alfonso Garrubba e le luci di Franco Buzzanca.

Questa messa in scena, dopo oltre dieci anni di repliche, si presenta sempre come un excursus sempre nuovo e divertente sul mondo teatrale, la poetica e le iniziative giornalistiche e culturali del grande Nino Martoglio.
Dopo il grandissimo successo riscosso in oltre trecento repliche realizzate nelle ultime stagioni teatrali, “La Centona” viene oggi riproposta in un nuovo e più funzionale allestimento. Tra interventi satirici, momenti di alta poesia, “pezzi” famosissimi tratti dal repertorio delle migliori commedie del Belpaese, interventi giornalistici presi di peso dal “D’Artagnan”, il giornale satirico a cui Martoglio dedicò tanti sacrifici e tanto tempo, momenti di poesia popolare rappresentati dai “Curtugghiarissimi”, lo spettacolo procede senza intoppi per oltre novanta minuti ed è diviso in due parti, alternando momenti di grande spessore storico e culturale ad altri di puro divertimento e di gioioso gioco scenico.
Uno spettacolo che oltre a ricordare il grande Nino Martoglio, vuole rimanere come “ideale” testimonianza di un processo storico e culturale che in Martoglio, così come in Luigi Pirandello e Angelo Musco, testimonia un’epoca irripetibile del teatro siciliano che tra “litigate”, riconciliazioni e definitive “rotture” ha rappresentato e rappresenta ancora oggi una delle pagine più belle della storia e della cultura della nostra isola.

I biglietti (23 euro per i posti di platea e palchi in prima fila, 18 euro per i palchi in seconda fila) possono essere acquistati presso il Box office – Sais di piazza Rosselli 5 (tel. 0922 20500) e, un’ora prima dello spettacolo, al botteghino del teatro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.