fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Teatro Pirandello: “Il Casellante” ed è subito applauso per lo spettacolo di Moni Ovadia ed Incudine – FOTO

Sarà l’amore smodato e campanilistico verso un autore agrigentino, sarà il talento e la bravura di Moni Ovadia, Mario Incudine e Valeria Contadino, sarà la musica, rigorosamente eseguita dal vivo, sarà la lingua, quel “vigatese” che grazie al “Commissario Montalbano” è entrato nel linguaggio parlato di tutti, fatto sta che ieri al Teatro Pirandello, gli scrosci degli applausi per “Il Casellante”, sono stati davvero fragorosi.

ll romanzo di Andrea Camilleri trasposto in scena da Giuseppe Dipasquale, racconta l’ossimoro che è la Sicilia con un linguaggio tipico di Camilleri che impartisce il “la” ad una storia che ha una melodia insita anche quando gli strumenti non sono in scena. Diversi e forti i temi trattati, la guerra, l’amore, la violenza, la maternità negata, la follia ed il destino che a volte può cambiare le sorti.

Lo spettacolo interpretato con mestiere da Moni Ovadia, che, quasi in modo “brechtiano”, “indossa” diversi personaggi: il narratore il barbiere, il giudice, un gerarca, il ferroviere autore della violenza sessuale e perfino la “mammana” del paese. Insieme a lui, ormai quasi in sodalizio inscindibile, Mario Incudine nel ruolo del casellante e Valeria Contadino, nei panni dolenti di Minica, la moglie incinta del casellante vittima di un abuso che la condanna alla sterilità e alla follia (struggente nella ripetizione quasi ossessiva “naturalmente ha perso il bimbo”).

La “colonna sonora”, viva, del “Casellante” è a cura dello stesso Mario Incudine, valente cantante, attore, polistrumentista che propone ora rivisitazioni di canzoni dell’epoca fascista o delle serenate, ora pezzi originali con l’apporto dei musicisti Antonio Vasta e Antonio Putzu. Solo ad un certo punto Incudine, “deposita” gli strumenti, quando per estremo amore verso Minica, la aiuta a “trasformarsi” in albero che “Dà frutto” e da quel momento la musica stessa diventa diegetica, dell’anima, qualcosa di impalpabile ed etereo.

Tra agro e dolce, tra risate e commozione, tra musica e il rumore assordante delle bombe, sarà sempre il destino, a volte sorprendente, che darà una svolta ad una storia che tanto ha appassionato il pubblico agrigentino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

img_3961 img_3964 img_3965 img_3966 img_3967 img_3968 img_3969 img_3970 img_3971 img_3972 img_3973 img_3974 img_3976 img_3977 img_3978 img_3979 img_3980 img_3981 img_3982 img_3983 img_3984 img_3985 img_3986 img_3987 img_3988 img_3989 img_3990 img_3991 img_3992 img_3993 img_3994 img_3995 img_3996 img_3997 img_3998 img_3999 img_4000 img_4001 img_4002 img_4003 img_4004 img_4005 img_4006 img_4007 img_4008 img_4009 img_4010 img_4011 img_4012 img_4013 img_4014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.