fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Terra mia – Identità di Naro: in mostra gli artisti naresi e le bellezze paesaggistiche e lacustri

terramia-12 (1)Domenica prossima, nel Castello di Naro, sarà inaugurata la mostra “Terra Mia – Identità di Naro – Lipu per Naro”, una collettiva a cui contribuiscono i seguenti artisti naresi: Fabio Brancato, Nicolò Daunisi, Angelo Barbara, Angela Landolina, Fichera Giuseppe, Vincenzo Stuto, Eugenio Scanio, Francesco Pacinella, MariaTeresa Geraci e Filippo Giganti.

Durante l’inaugurazione verranno anche presentati i programmi e le finalità istituzionali della Lipu-Sezione Naro, di cui è responsabile Valentina Cumbo e vice delegata Maria Dispinseri.
L’evento è finalizzato a valorizzare l’identità, l’arte, l’artigianato e le risorse naturalistiche e paesaggistiche della città di Naro.

La manifestazione rientra nel circuito I Art (di cui è curatrice, per Naro, Rosadea Fiorenza, collaborata da Maria Todaro) e coinvolge la cittadinanza narese, stimolandola nella creatività e dando ad essa la possibilità di esprimersi nelle diverse forme d’arte, tra cui la pittura e la scultura.
Nel corso della conferenza di apertura i delegati della Lipu sezione di Naro, di nuova istituzione, illustreranno le prerogative e le potenzialità del territorio locale e gli obiettivi che l’Associazione intende perseguire attraverso le attività allo scopo programmate.

Con questa manifestazione, – dichiara il sindaco di Naro, Calogero Cremona – il “Castello dell’Arte” non solo da spazio agli artisti naresi, ma valorizza anche l’elemento ambientale, grazie alla LIPU locale, con cui l’Amministrazione Comunale si prefigge di collaborare ed eventualmente patrocinare le attività che la sezione Lipu di Naro vorrà portare avanti nell’ambito dell’educazione ambientale per le scuole e nell’ambito della cittadinanza attiva e responsabile, soprattutto per quanto riguarda l’ecologia e lo sviluppo sostenibile.
D’altro canto, fra le bellezze paesaggistiche e naturalistiche del territorio, il sito più significativo da salvaguardare e valorizzare è il Lago San Giovanni, che, se protetto e adeguatamente attrezzato, può costituire un’offerta eccellente di turismo naturalistico”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.