fbpx
Politica

Treno del Barocco e Treno dei Templi, Iacono (PD): “occasione straordinaria per lo sviluppo turistico della Sicilia”

treno templiProcede a pieno regime l’iniziativa denominata “I binari della cultura” che vede Fondazione FS Italiane, Trenitalia e Assessorato Regionale al Turismo in prima fila per lo sviluppo del turismo in Sicilia, attraverso l’utilizzo di speciali treni storici che consentono ai visitatori di raggiungere i luoghi più affascinanti e ricchi di storia dell’Isola.

Dallo scorso 3 luglio, ogni sabato e la prima domenica di ogni mese, è infatti attivo il Treno dei Templi, che partendo dalla stazione di Agrigento Centrale arriva fin dentro la Zona archeologica e la borgata marinara di Porto Empedocle. Da domenica prossima, 24 luglio, partirà anche l’attesissimo Treno del Barocco: le carrozze cento porte si muoveranno dalla stazione di Siracusa verso Donnafugata e Comiso, attraversando il Val di Noto in un viaggio sentimentale d’altri tempi.

“E’ stato posto in essere un grande sforzo da parte di tutti – ha detto Maria Iacono, deputato nazionale PD alla Camera, e prima firmataria della proposta di Legge sull’istituzione delle ferrovie Turistiche – per schierare il meglio della flotta di treni storici presenti in Sicilia e magistralmente tenuti in opera dalla Fondazione FS Italiane. “
“Per la prima volta, si sta offrendo un servizio in grado di movimentare un gran numero di turisti e di promuovere al contempo itinerari di indubbio pregio.“ “Per i comuni attraversati dalle linee ferroviarie ove è previsto il passaggio del treno storico – aggiunge Maria Iacono – si tratta di una occasione imperdibile per pubblicizzare le proprie bellezze e valorizzare il territorio. “
“Con l’approvazione del DDL Ferrovie Turistiche, sarà l’intero paese a poter beneficiare degli effetti del cosiddetto “turismo slow” che si sta rapidamente diffondendo in tutta Europa”, conclude Maria Iacono.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.