fbpx
Regioni ed Enti Locali

Ultima settimana di “Ottobrando” con “Selvatica” il libro e “Insecta” la mostra

Si conclude Ottobrando 2018, nonostante il clima avverso, ieri su Floresta il vento è stato incredibilmente forte con raffiche di oltre 60km h, oggi il tempo è stato clemente con una discreta partecipazione.

Ma ovviamente le notizie “pesanti” della cronaca tra morti, esondazioni, nubifragi che giungevano da altre aree, anche vicine, della Sicilia ha convinto tanti a rimanere a casa. Comunque è andata. L’ultima giornata è stata dedicata alla sagra della provola e del suino nero, ed è stata voluta e richiesta dagli stessi commercianti, ed ha riscosso alla fine esito positivo. Nel corso della giornata in tarda mattinata anche la presentazione del libro sulle erbe selvatiche dei Nebrodi di Delfio Bordonaro, che si è svolta in piazza.

Appunto “Selvatica”, che è stata seguita ed ha visto la partecipazione di un pubblico interessato all’argomento ed un ricco parterre composto dall’onorevole Francesco Calanna, da Giusi Maniaci responsabile del progetto “le terre di Dioniso”, dall’esperto di comunicazione dott. Massimo Scaffidi, che con la dott.ssa Elisa Carlisi e il fotografo Lorenzo Cassarà hanno curato l’intera comunicazione di Ottobrando.

A rappresentare tutti il sindaco di Floresta Antonino Cappadona e il dottor Piero Ridolfo, responsabile della comunicazione per il Comune di Floresta e dell’organizzazione della manifestazione. Tutti concordi: “occorre partire dal territorio…”, dal patrimonio culturale quindi anche dalle erbe selvatiche dei Nebrodi.

In chiusura anche l’ultima giornata della mostra Insecta a palazzo Landro Scalisi. Il libro come anche la mostra rappresentano tradizione e saperi ed insieme tracciano le linee guida per i prossimi eventi che hanno come un motivazione l’esaltazione del territorio. Già da domani inizia la programmazione di Ottobrando 2019, sicuramente ricco e speriamo anche più fortunato, sotto l’aspetto climatico, di quest’anno, e che punta su nuovi spazi “genuini” come sono gli abitanti del paesino più alto della Sicilia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.