fbpx
Regioni ed Enti Locali

Un “Mandorlo in Fiore” in dolcezza presentato a Palermo: il pastry chef Giovanni Mangione incanta con la sua torta – FOTO

Grande successo ieri a Palermo, al mercato “San Lorenzo” che ha ospitato un evento promozionale del l’edizione 2017 del Mandorlo in Fiore di Agrigento.

Giovanni Mangione, definito oramai il pastry chef dei “record”, con il suo “team” ha dato vita ad una “mega-torta” monumentale di 350 chili dedicata alla Mandorlara.

Più di 50 pasticceri e cake design di tutte le province che hanno dato vita ad una “impressionante” dimostrazione, che ha portato alla realizzazione di una torta di oltre 5 metri di lunghezza ed 1,50 di larghezza. Importanti numeri che hanno visto l’utilizzo di 32 placche di pan di spagna, 200 chili di ricotta, 20 litri di bagna al rum, 10 kg di biscotti alle mandorle per i bordi, 5 kg di mandorle in pasta reale e 6 kg di zucchero roccia per dare l’effetto delle pietre. 

Bontà, associata ad una coreografia tutta particolare, dove è stato possibile ammirare i fiori mandorlo, il tempio di Castore e Polluce, il carretto, le giare, il “Gigante” e altre decorazioni.

Il tutto realizzato dal pastry Chef Giovanni Mangione, e dalla maestria di importanti e famosi pasticceri come Francesco Palumbo, Leonardo Geraci, Gaetano Salemi, Giuseppe Tomasino, Gaspare Martinez, Giovanni Catalano, Vincenzo Rosciglione, Lillo De Fraia, Toni Bondi 2 volte campione italiano e vice campione del mondo, e le ragazze cake design Agata Consoli, Anna Maria La Rosa, Mary Lentini, Daniela Ranieri, Daniela Mazza, Caterina Giurintano, Caterina Tarantino e Silvana Pantaleo.

torta1 torta5torta3 torta4 torta6 torta7 torta8 torta9 torta10 torta11 torta12 torta13 torta14

  1. Adriana Attardi says:

    C’ero certamente anch’io presente alla manifestazione. Aevete elencato tutte le donne presenti tranne me!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.