fbpx
Cronaca Regioni ed Enti Locali

Villetta abusiva di Maddalusa: conclusi i lavori di demolizione

ruspeDopo le polemiche di questi giorni, ieri pomeriggio si sono conclude le operazioni di demolizione della villetta abusiva in contrada Maddalusa di proprietà della famiglia Piraneo.

Le ruspe hanno infatti terminato i lavori, abbattendo l’intera costruzione, rientrante fra gli otto manufatti “abusivi” sui quali pesano sentenze giudiziarie passate in giudicato per la demolizione.

La villetta in contrada Maddalusa è stata, fra tutte le demolizioni effettuate ad oggi, l’unica che ha visto l’interesse anche da parte della stampa nazionale visto che si trattava della prima costruzione abitata da un nucleo familiare di cinque persone. Un fatto che ha visto altresì i residenti della zona protestare contro il “modus operandi” attuato dal Comune di Agrigento. 

Pugno duro dunque da parte del Comune che, dopo le sollecitazioni della Procura della Repubblica di Agrigento, ha attuato il piano per le demolizioni affidate, in questa prima fase, alla ditta Capobianco di Palma di Montechiaro.

 Con l’abbattimento della villetta di Maddalusa, il calendario prevede solo altre due demolizioni dopo che le ruspe della ditta Capobianco avevano demolito le due costruzioni abusive a Poggio Muscello e le tre che invece sono state rase al suolo “privatamente” grazie alle demolizioni dei proprietari che hanno anticipato l’intervento dei mezzi meccanici incaricati dal Comune. Un fatto quest’ultimo che è stato accolto positivamente e che ha lanciato l’immagine di Agrigento come città della legalità e non più sinonimo di abusivismo.

Gli ultimi due interventi avranno ora ad oggetto due fabbricati in via Afrodite, anche se il piano del Comune di Agrigento sembra non fermarsi qui. Infatti alcune dichiarazioni del sindaco Lillo Firetto, confermano la volontà di proseguire verso l’abbattimento di altre costruzioni abusive. Per questo l’amministrazione sta già cercando ulteriori fondi da destinare a questo tipo di interventi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.