fbpx
Cronaca Regioni ed Enti Locali

Violenze e sevizie a danno di migranti: i tre nigeriani davanti al Gip

tribunaleDopo il fermo da parte della Squadra Mobile di Agrigento dei tre nigeriani accusati di gravissimi crimini quali associazione per delinquere finalizzata alla tratta ed al traffico di esseri umani, sequestro di persona a scopo di estorsione, violenza sessuale, omicidio, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, il pm delegato dalla Dda di Palermo, Salvatore Vella, ha chiesto la convalida dei fermi e la custodia cautelare in carcere.

I tre, interrogati dal gip del Tribunale di Agrigento, avrebbero negato ogni tipo di responsabilità. L’inchiesta è stata coordinata dai Pm della Dda di Palermo Calogero Ferrara, Claudio Camilleri, Renza Cescon e Gaspare Spedale. Secondo l’accusa i tre sarebbero di responsabili di violenze e vere e proprie torture. Racconti choc da parte di alcuni migranti che avrebbero vissuto momenti da vero “incubo” nell’ex base militare “Casa Bianca” a Sabratah in Libia prima del “viaggio della speranza” verso l’Italia.

Dopo un’ampia attività svolta dalla Polizia di Stato, alcuni dei migranti hanno parlato di violenze, omicidi, torture con benzina, ferri roventi sulla pelle e estorsioni. Ipotesi di reati aggravati dalla transnazionalità del reato, dalla disponibilità di armi, dal numero di associati superiore a dieci, dall’aver agito per futili motivi, dall’aver adoperato sevizie ed agito con crudeltà, dall’aver cagionato la morte in conseguenza di altro reato.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.