fbpx
Politica Regioni ed Enti Locali

Vitellaro (Agrigento Cambia): “dal governo regionale attacchi ad Agrigento”

Agrigento 1Agrigento è sotto attacco e solo gli agrigentini la possono difendere“. Lo afferma il consigliere comunale di Agrigento e capogruppo del movimento “Agrigento Cambia” in Consiglio Comunale, Pietro Vitellaro (in foto). 

Sembra un’affermazione assurda, ma da un anno a questa parte purtroppo sta accadendo proprio questo. Il governo Regionale di Crocetta e dei suoi compari, con assoluta sfrontatezza, sta mettendo in crisi il Polo Universitario, ci ha obbligato a conferire i nostri rifiuti irrazionalmente presso la discarica più lontana aumentando così i costi di 1.700.000 euro che dovremo pagare noi agrigentini, e, non contenti di ciò, ci sta privando pure della risorsa più bella ed importante che noi abbiamo: “la Valle dei Templi”.

Dopo aver privato il Comune di Agrigento di parte degli introiti derivanti dagli ingressi dei turisti nella Valle, infatti, il Presidente della Regione ed i suoi assessori (per fortuna manca poco per mandarli a casa), con le nomine del consiglio del parco ,hanno svenduto la nostra Valle dei Templi a certi signori di una politica preistorica e lontana dalla gente per palesi fini elettorali.
Ancora più grave è il fatto che, con questo gioco di poltrone, hanno privato gli Agrigentini di dire la loro sulla Valle dei Templi tramite il Sindaco, l’istituzione più rappresentativa e democratica per i nostri cittadini.
Con questa azione in pratica ci hanno tolto la Valle dei Templi, che diventa un pò simile ad uno Stato autonomo ed indipendente come la Città del Vaticano con Roma. Il tutto nell’assoluto silenzio dei nostri deputati regionali che risultano non pervenuti. Se siamo una comunità unita dobbiamo reagire a questo scempio ed alzare la testa.  La Valle dei Templi è degli agrigentini e non possono essere buttati fuori“, conclude Vitellaro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.