fbpx
Politica

Caso “Cuffaro”, Arnone (Fi): “Ardizzone come Torquemada”

cuffaro matrixIn merito ai curiosi e recenti fatti che hanno visto un Ardizzone negare la concessione della sala Mattarella dell’ARS per un convegno dedicato al tema dei carcerati e delle loro condizioni carcerarie ad un Totò Cuffaro, uomo libero, che ha già scontato la sua pena, mi sovviene

immediatamente il nome di una nota personalità della storia spagnola: TOMAS de TORQUEMADA: primo ed assoluto protagonista dell’inquisizione spagnola, colui che fece consumare rigorosi processi e violente torture all’epoca dei Re Cattolici“.

Interviene così Giuseppe Arnone (in foto), coordinatore provinciale del “Club Azzurri” di Forza Italia, che aggiunge:

Il paragone potrebbe, ai lettori, sembrare azzardato e sicuramente lo è: la mia è volutamente una provocazione, causa-effetto della scelta di Ardizzone che è, su tutti i fronti, fondata su mera demagogia. Se quella di Ardizzone voleva essere ad ogni modo una decisione (ipocritamente) “etica” , bisogna ricordare ad onor del vero che Palazzo dei Normanni è tutti i giorni transito sia di decine di indagati e condannati che di politici che hanno tutt’altro che la coscienza limpida. Negare il diritto di espressione, soprattutto su un tema riguardante la delicata condizione dei detenuti e le loro privazioni in termini di dignità, è una presa di posizione (a questo punto politica) scellerata che denota un arbitrario abuso e mal utilizzo del proprio potere istituzionale e politico. Che Ardizzone eviti, dunque, di voler ergersi a tutti i costi “inquisitore” e “paladino” della legalità, condannando su propria coscienza un uomo, Totò Cuffaro, che ha già pagato il suo debito con la giustizia e che è stato giudicato e condannato già nelle apposite sedi previste dal nostro ordinamento giuridico“.

  1. Gabriele Sciortino says:

    Quindi in virtù della teoria Ardizzone gli ex drogati non potranno più andare nelle scuole e nelle parrocchie a testimoniare gli effetti negativi delle droghe e come riducano l’uomo “senza cuore e senza cervello” (frase detta da un ex di cui non ricordo il nome). Quindi nessuno potrà più calcare qualsiasi pulpito per testimoniare i propri errori, nessuno più potrà testimoniare la vita nelle carceri o un qualsiasi malessere della nostra società. E bravo Ardizzone hai scelto la via del silenzio. Potrebbe essere omertà? Chissà se rientra in quel “favoreggiamento esterno”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.