fbpx
Politica

Disordini e fuga di migranti da ex Villa Sikania, Calogero Pisano (FdI): “Governo chiuda immediatamente tutti i centri di accoglienza della provincia”

“La fuga di migranti dal centro di accoglienza ex Villa Sikania di Siculiana di questa mattina e i disordini di ieri, nel corso dei quali le forze dell’ordine sono state fatte bersaglio di un fitto lancio di oggetti da parte di persone ospitate nella medesima struttura, sono gli ennesimi inaccettabili atti violenti di gente arrivata clandestinamente in Italia e che rifiuta in maniera arrogante di rispettare le nostre leggi e di adempiere agli obblighi di quarantena previsti dalle norme anti covid”.

Lo afferma il commissario provinciale di Fratelli d’Italia Agrigento, Calogero Pisano che aggiunge:

“Con le nostre iniziative, ma anche collaborando con importanti testate giornalistiche e tramissioni televisive nazionali, come il programma FUORI DAL CORO di Retequattro del giornalista Mario Giordano, che ringraziamo per essere tornato nuovamente ad occuparsi della questione, siamo riusciti a portate all’evidenza pubblica come i centri di accoglienza, soprattutto quelli presenti nei luoghi abitati, ed in particolar modo quelli del quartiere Villaggio Mosè di Agrigento e quello di Siculiana, rappresentino delle degradanti polveriere pronte ad esplodere che comportano rischi e disagi per i residenti e le attività commerciali adiacenti, costretti, loro malgrado, a convivere con i comportamenti spesso maleducati degli extracomunitari.
Chiediamo al Governo Draghi di intervenire immediatamente e di chiudere tutti i centri di accoglienza della nostra provincia, ormai relegata ad un mero campo profughi, ed al contempo esprimiamo solidarietà ai nostri uomini in divisa messi a presidio delle strutture sparse nel nostro territorio, che con abnegazione svolgono il loro dovere, anche a rischio della propria incolumità fisica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.