fbpx
Regioni ed Enti Locali

Agrigento, il vice Sindaco Virone replica a Messina (Confesercenti): “invitiamo la Confesercenti ad avviare un percorso virtuoso”

ingresso comuneLa recente dichiarazione di Vittorio Messina è un clamoroso autogoal. Interessante leggere sui distretti Puglia“.

Lo dichiara il vice Sindaco di Agrigento, Elisa Virone (in foto), che replica così alle dichiarazioni di Vittorio Messina, presidente di Confesercenti:

In sostanza in Lombardia e Puglia c’è voluta una normativa regionale che in Sicilia non c’è, per cui si invita e sollecita la Confesercenti ad interessare il governo regionale“.

In Puglia l’iniziativa però è ammessa a partire dalle associazioni private per cui senza aspettare il governo regionale, si invita la Confesercenti ad avviare un percorso virtuoso con i commercianti per formare il distretto.
Si ricorda al dott. Messina che egli è stato ed è ancora presidente dell’associazione via Atenea e dintorni che in fondo ricalca le caratteristiche distrettuali di promozione organizzata ed integrata dei prodotti degli esercenti, dunque è senz’altro, da tempo, la persona giusta per organizzare in grande stile un distretto rispetto al quale il Comune dichiara la piena disponibilità a discuterne dando forma e sostanza. Quanto al richiamo fatto abbiamo cercato, nelle difficoltà, di garantire le eliminazioni in via preliminare, delle condizioni di pericolo nella citata piazza Vittorio Emanuele. Queste situazioni – continua il vice Sindaco di Agrigento – ed in generale l’adozione di provvedimenti volti ad garantire la sicurezza dei luoghi e dei cittadini è doveroso vengano affrontate dell’amministrazione comunale così come è necessario richiamare ai propri obblighi i cittadini destinatari di provvedimenti amministrativi troppo spesso ignorati che certamente pregiudicano lo svolgimento sicuro anche delle attività commerciali“, conclude Virone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.