fbpx
Politica

Aragona, la sofferenza dei più piccoli nei giorni del coronavirus: chiesta riapertura della villa comunale

I nostri bambini sono scomparsi dalle città, chiusi in casa h24 e nessun DPCM si occupa di loro. Il problema dei piccoli chiusi in casa da diverse settimane, comincia a preoccupare perché è a rischio il loro benessere psicofisico.

Per questo i consiglieri comunali d’opposizione “Uniti possiamo” Giuseppe Attardo e Claudio Fabio Clemenza fanno un appello al sindaco di Aragona Giuseppe Pendolino: “Sindaco siamo pronti a ripartire, ma riapra la Villa Comunale”.

“Le misure restrittive per contenere il contagio del Covid 19 – affermano i consiglieri – hanno per necessità chiuso in casa adulti e bambini con ripercussioni, specialmente per questi ultimi, sul piano dello svago e del gioco essenziale, per il loro sviluppo psico-fisico. Di ciò si è accorto anche il Ministero della Famiglia che a tal proposito pensa alla riapertura dei parchi pubblici. Anche ad Aragona, dobbiamo dare una risposta concreta da subito, ovviamente potendo avere un accesso contingentato“.

“La proposta, nello specifico, è di predisporre la riapertura della Villa Comunale con personale che regolamentino gli ingressi . Bisognerà inoltre attrezzare le aree ad un gioco più individuale perché il gioco collettivo dovrà essere rimandato per questioni di sicurezza“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.