fbpx
Cultura

A Favara la proiezione del documentario “Quasi12-Nessun colpevole” del giornalista Gero Tedesco

Sarà proiettato per la prima volta a Favara, stasera sabato 27 aprile alle ore 20,30 al teatro San Francesco, il documentario “Quasi12-Nessun colpevole” che narra la tragica vicenda del piccolo Stefano Pompeo, un ragazzino di 11 anni di Favara che venne ucciso per errore, da un commando mafioso, il 21 aprile del 1999: esattamente 20 anni fa.

Il documentario è stato prodotto da Fuoririga ed è stato scritto e diretto dal giornalista Gero Tedesco. Le musiche originali sono di Davide Lo Iacono e degli Eimog, il montaggio è di Davide Sclafani, la ricerca storica di Silvio Schembri, Gero Tedesco e Michele Ruvolo, la fotografia di Manuela Lino, le riprese sono di Marco Martorana e Davide Sclafani. Il documentario “Quasi12. Nessun colpevole” ripercorre, per la prima volta, l’intera vicenda facendo parlare, tra gli altri, i protagonisti, loro malgrado, di una tragedia dimenticata: la mamma, il padre, l’ex componente della Commissione parlamentare antimafia Giuseppe Scozzari, l’insegnante del piccolo,  Carmela Di Caro, il giornalista Franco Castaldo che si occupò del caso. A spiegare come sia potuto accadere che nulla è stato mai fatto per trovare la verità è il procuratore aggiunto di Agrigento Salvatore Vella. 

“In questi giorni, alla produzione, stanno arrivando centinaia di messaggi da tutta Italia che chiedono conto di questa storia incredibile – dice Gero Tedesco. In molti si chiedono come sia potuto accadere che da 20 anni non c’è addirittura nessun indagato per la morte di un bambino. L’omicidio di un innocente caduto quasi totalmente nell’oblìo. Nessuno è mai stato condannato e addirittura nessuno è mai stato indagato.Stefano Pompeo aspetta ancora giustizia. Questo documentario ha come obiettivo quello di scuotere le coscienze, di fare riaprire il caso e di cercare di dare un nome, un volto, un’identità agli assassini di Stefano. Abbiamo cercato di risvegliare emozioni, di svegliare coscienze e l’obiettivo si sta raggiungendo oltre ogni più rosea aspettativa. Stefano Pompeo deve avere giustizia”.

Stasera alle 20:30 vediamoci al Teatro San Francesco di Favara stringiamoci attorno al piccolo Stefano, stringiamoci attorno a mamma Carmelina e papà Giuseppe, che saranno con noi, facciamogli sentire che nessuno di noi ha dimenticato Stefano nè vuole dimenticarlo. Diamogli voce per ottenere quella giustizia che fino ad ora nessuno ha voluto dargli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.