fbpx
Italia Regioni ed Enti Locali

Ad Agrigento firmato l’accordo Italo-Libico: Alfano e Maiteeg al Tempio della Concordia per nuove prospettive economiche – FOTO E VIDEO

Un programma di riavvicinamento dal punto di vista economico“. Così il ministro degli Affari Esteri, Angelino Alfano, ha presentato oggi ai piedi del Tempio della Concordia di Agrigento, l’accordo siglato con il Vice primo ministro libico Ahmed Maiteeg.

Il Forum, proposto da Alfano in occasione della sua visita a Tripoli del 6 maggio scorso e subito accolta con favore dal Vice Primo Ministro Maiteeg, è quello di avviare una riflessione approfondita, condivisa con il settore privato, sulle prospettive che si apriranno nel mercato libico per le imprese italiane, una volta ristabilite le necessarie condizioni di sicurezza e, quindi, sul futuro posizionamento del sistema economico italiano in Libia. Una importante occasione di crescita che mette in contatto le due sponde del Mediterraneo dal punto di vista economico-commerciale e che vedrà impegnate tutte le imprese italiane che vorranno credere e investire in quei territori. 

Stiamo preparando il terreno – ha sottolineato il titolare della Farnesina – per il momento in cui la Libia sarà completamente stabilizzata e pacificata e dobbiamo mettere in contatto i nostri governi per una collaborazione economica“.

La dichiarazione di Agrigento di questa sera, è la dichiarazione che segna la base su cui ricostruire un importante rapporto economico. Le nostre imprese sono molto interessate al mercato libico, e siamo convinte che le imprese libiche sono interessate ai nostri mercati“, ha concluso Angelino Alfano.

Parole condivise dal vice primo ministro libico Maiteeg: “Un accordo che segna l’inizio della cooperazione economica. Abbiamo dei progetti che abbiamo lanciato e vogliamo rafforzare questi rapporti, dopo gli aggordi di Bengasi del 2008” Altri progetti? “Infrastrutture, telecomunicazioni e aeroporti“, ha affermato l’esponente del governo libico. 

Secondo le intenzioni degli organizzatori, il Forum costituirà l’occasione, facendo leva sul rapporto privilegiato tra Italia e Libia, per esplorare le opportunità che il Paese riserverà nei settori prioritari dell’energia, infrastruttura, reti cooperazione economica e finanziaria, riunendo per la prima volta i principali rappresentanti dell’imprenditoria, del mondo finanziario e della consulenza italiani e libici nonché i vertici del governo libico.

Il Forum continuerà domani, 8 luglio, e sarà articolato in quattro panel settoriali consecutivi, dedicati a: prospettive per gli investimenti internazionali in Libia; energia e reti; quadro finanziario e crediti delle aziende italiane; infrastrutture.

Ogni panel prevede interventi di qualificati relatori, tra cui i ministri libici dell’Economia Nasir Shaghlan e della Finanza Abubaker Ghafal e i rappresentanti di CDP-Sace, Confindustria, Unicredit, FSI, Leonardo tra i numerosi partecipanti per parte italiana. Ogni sessione si svolgerà in italiano e arabo, con traduzione simultanea.

(Guarda il video)

img_6284 img_6285 img_6288 img_6290 img_6293 img_6294 img_6295 img_6296 img_6297 img_6299 img_6300 img_6301 img_6302 img_6303 img_6304 img_6305 img_6306 img_6307 img_6309 img_6310 img_6311 img_6312 img_6314 img_6315 img_6318 img_6319 img_6320 img_6321 img_6322 img_6323 img_6324 img_6326 img_6327 img_6328 img_6329 img_6330 img_6331 img_6332 img_6334 img_6335 img_6336 img_6337 img_6338 img_6339 img_6340 img_6341

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.