fbpx
Politica

Consulta Comunale per il Turismo ad Agrigento, Antinoro (Fdi): “importante strumento di interazione tra pubblico e privato”

“Dopo oltre 4 mesi dall’adozione della delibera Consiliare di approvazione del regolamento della Consulta Comunale Turistica, il Dirigente del Primo Settore, su delega del Sindaco, ha adottato l’avviso pubblico con il quale l’Amministrazione rende nota, ai soggetti pubblici e privati interessati, la volontà di istituire la Consulta Comunale Turistica”.

Lo afferma il portavoce cittadino di FDI Agrigento, l’avvocatessa Paola Antinoro, che aggiunge:

“Già prima dell’esito della consultazione elettorale, la sottoscritta aveva suggerito e si augurava che la nuova Amministrazione inserisse nel proprio programma l’istituzione della Consulta di che trattasi. Sono dovuti trascorrere oltre 3 anni dall’insediamento di questa Giunta, prima che l’attuale maggioranza si rendesse conto dell’utilità di un tale strumento ai fini di uno sviluppo organico del nostro turismo, che vada oltre la Valle dei Templi. Ora, noi di Fratelli D’Italia suggeriamo al Sindaco di assegnare la delega dell’Assessorato al Turismo affinché l’istituenda Consulta possa confrontarsi con un soggetto politico che non sia già gravato da altri oneri politico-gestionali perché Il mondo degli operatori turistici agrigentini è stato fino ad oggi lasciato solo nelle proprie iniziative senza un serio e concreto supporto da parte delle amministrazioni; Ricordiamo che la consulta può contribuire alla definizione degli obiettivi e dei programmi di competenza dell’Amministrazione in materia di turismo, suggerendo iniziative ed attività mirate alla sua crescita nonché formulare proposte atte a favorire tutte quelle azioni che possano stimolare investimenti e progettualità di operatori privati idonei a migliorare l’offerta turistica”. La Consulta, se idoneamente utilizzata, è uno importante strumento di interazione tra pubblico e privato ai fini di uno sviluppo organico del turismo e di tutte le attività collaterali della nostra città”, conclude Antinoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.