fbpx
Regioni ed Enti Locali

Favara, pace fatta fra Farm Cultural Park e Comune: ecco cosa è accaduto

farmTorna il sereno in casa Farm Cultural Park a seguito dell’incontro di stamani al Comune di Favara avente ad oggetto la querelle nata dalle presunte installazioni abusive all’interno del cortile Bentivegna.

Un tavolo di confronto che è servito ad addivenire ad una soluzione a tutte le problematiche finite agli onori della cronaca negli ultimi giorni. La vicenda è la oramai nota questione relativa alle due opere artistiche ritenute essere installate senza autorizzazioni.

LEGGI ANCHE: Favara, “occupazione abusiva di suolo pubblico alla Farm Cultural Park”: due installazioni artistiche da rimuovere

Gli uffici comunali – si legge in una nota – si sono impegnati alla revoca dell’ordinanza di pristino dei luoghi previa presentazione di Farm di tutta la documentazione utile al superamento di tutte le criticità presenti, la revoca è subordinata alla richiesta in sanatoria delle strutture conformi. Il Comune di Favara e Farm Cultural Park – conclude la nota – si vedranno nei prossimi giorni per definire una convenzione di gestione e la Giunta del M5S procederà inoltre al riconoscimento della Farm quale luogo di interesse pubblico attraverso una atto da presentare all’approvazione del Consiglio Comunale“.

LEGGI ANCHE: La replica della Farm Cultural Park

Allarme rientrato dunque, e la questione sembra oramai essere un lontano ricordo. Tutto però, dovrà necessariamente passare dai prossimi adempimenti burocratici che dovrà effettuare la Farm per regolarizzare la posizione.

Ma cosa è accaduto prima dell’ordinanza di pristino dei luoghi? Era il 21 giugno scorso quando una delle proprietarie di uno degli appartamenti presenti all’interno dei Settecortili comunicava al Corpo di Polizia Municipale di essere rientrava, per le ferie, presso la sua abitazione trovandola con delle impalcature e della spazzatura che impedivano di accedere all’interno dell’immobile di sua proprietà. Inoltre, riferiva che il marito, nel tentativo di aprire la porta del garage bloccata da vari residui di materiali vari, è caduto per terra sbattendo la testa.

Dopo i controlli effettuati dai Vigili venivano accertate le occupazioni di suolo pubblico con strutture in legno e ferro.