fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Il poeta licatese Lorenzo Peritore secondo classificato al Premio Letterario Nazionale “Verba volant, amor manent ” con “A mafia”

Sarà consegnato oggi sabato 23 marzo 2019 alle 17 presso la sala “Villa Fortuna” ad Acicastello (CT), al poeta dialettale licatese Lorenzo Peritore.

Ennesimo riconoscimento per versi in siciliano in uno straordinario componimento intitolato “A mafia” nella sezione poesia edita dialettale a tema libero. Lo ha deciso la Giuria Premio Nazionale Letterario Verba volant, amor manet” – Cupido in Poesia – Acicastello Città dell’amore, presieduta dal Prof. Alessandro Giovanni Bulla e composta da Dott.ssa Francesca Agata Bafumi; Prof. Nicola Stifano; Frà Matteo Pugliares; Prof.ssa Giovanna Raeli.
Lorenzo Peritore ha ottenuto anche una Menzione d’onore nella sezione inedita dialettale con “San Valintinu”.

Un’ulteriore soddisfazione per il poeta licatese che negli ultimi anni ha collezionato numerosi premi per i suoi versi e che è autore di due pubblicazioni “Rimaniamo in Rima” (Bonanno Editore) e “Rime di Speranza” (Vitale Edizioni).
Lorenzo Peritore è ormai molto noto in Sicilia per la sua presenza in eventi culturali, non soltanto nella sua città natale Licata, dove è stato ospite fisso degli eventi “Autori in Piazzetta” e “LicatAutori”, ma anche nelle scuole dove viene invitato per far conoscere il dialetto siciliano ai più piccoli. Costante la sua presenza anche come docente al CUSCA, il Centro Universitario Socio Culturale Adulti di Licata, dove tiene delle lezioni durante l’anno accademico. I suoi componimenti sono pieni d’amore ma sono anche di denuncia verso il malcostume. Ma Lorenzo Peritore ha una dote innata per la recitazione, passione che ha coltivato a più riprese nella sua vita, ma anche una grandissima dote quelle di saper essere molto ironico anche nella scrittura narrando storie e personaggi capaci di suscitare risate. Un premio meritato dunque per un licatese che ha saputo abbinare la passione per la poesia, il teatro e la cultura in genere con l’amore per la sua città Licata e per la Sicilia. E’ stato collaboratore anche del quindicinale “La Campana” ed collaboratore del mensile La Vedetta. Opinionista in trasmissioni televisive e ospite fisso nelle rassegne letterarie “Autori in Piazzetta” e “LicatAutori”.
Sta lavorando al suo terzo libro di poesia che potrebbe vedere la luce il prossimo anno.
Di seguito le poesie :
A M A F I A
Unn’arrinesci a vidirla,
si nni stà sempri ammucciata
e quannu è pedi pedi
è bona camuffata
Tutti a ciamammu mafia
e tutti a cunnannammu,
ma sulu chi paroli,
chi fatti ni scantammu

A mafia pedi unn’hava
e sula un pò caminari
e unn’hava mancu manu
e sula un po’ sparari
C’è co ci mpresta i pedi
pi farla caminari
e co ci mpresta i manu
ca usa pi sparari

Poi ci sunnu i capucciun
ca a sannu cumannari
e chiddi cu cirbeddu
ca a sannu organizzari

Ma co sunnu sti mafiusi?
E sta mafia unn’è ca è?
Putemmu essiri tutti
e po’ essiri unni eggiè

Pozzu essiri puru ia
e po’ essiri puru tu,
pi chissu se fa dannu
un si scopra co è ca fù

Ca mafia si ci aggrega
u mpiegatu, u muraturi,
l’operaiu, u disoccupatu,
abbucatu, u prefessuri,

si ci associa evoti u sinnicu,
u ministru, u diputatu
e dimostrino ca a mafia
è puru dintra u Statu.

Arristammu a vucca aperta
e ni para fantasia
quannu accertinu ca a mafia
trasa puru a saristia

Chi brutta bestia è a mafia!
E’ n’amara realtà!
E’un fenominu diffusu
di sta nostra società!

E’ un purpu bellu grossu
ca usa i so ventosi
p’aggrapparisi unni eggiè
e aggarrari tutti cosi

E’ un cancru chi metastiti
ca ni vo cuntaggiari,
arrisista cu l’omertà
e ngrassa cu mal’affari

Pi guariri sta cancrena
un po abbastari a cura
ca ci somministra u Statu
o sennò a Magistratura

Serva ca tutti quanti
cangiannu mentalità
circammu d’abbissari
stu muru d’omertà

E pi putirlu fari
unn’esista megliu cura
c’abbattiri a gnuranza
e puntari na cultura.

SAN VALINTINU

Quattordici febbraiu
festa di nnamurati,
di sciura, di riali,
di carizzi e di vasati

Pi tanti e tanti coppii
è ugn’iornu di magia
ca si ciuda o ristoranti
opuru in pizzeria

Stu Santu hava u putiri
di fari addivintari
cumpagni, mariti e ziti
perfetti ed esemplari

Ma onnumani chi succeda
passatu San Valentinu?
Firmativi tanticciedda
e facitici un pensierinu

Pi tanti San Valentinu
e sulu n’eccezioni,
comu diri un diversivu
o na divagazioni

Onnumani s’arritorna
comu prima da festa,
cu carattiri di sempri
e sempri ca stessa testa

S‘accumenza chi lignati
ca violenza e vidè chi corna,
pi mia San Valentinu
hassa a essiri tutti i iorn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.