fbpx
Cronaca Regioni ed Enti Locali

Incidente sul lavoro, muore un bracciante agricolo nell’agrigentino

imu_terreniAncora una tragedia sul lavoro nell’agrigentino. Un bracciante agricolo originario di Naro, di 58 anni, è morto in contrada Ciccobriglio a Campobello di Licata mentre stava lavorando la terra.

L’uomo sarebbe rimasto. stante le prime ricostruzioni, schiacciato dal trattore sul quale era a bordo. Ancora da accertare l’esatta dinamica dell’incidente. Indagini sono in corso da parte dei Carabinieri della locale stazione.

La dinamica dell’incidente è tutta ancora da chiarire ma possiamo affermare che più che trattori, sono diventati vere e proprie trappole mortali, un bollettino di guerra quest’anno nelle campagne agrigentine che non vuole arrestarsi; In Italia quasi un morto ogni due giorni per incidenti che coinvolgono trattori agricoli“. Lo dichiarano in una nota il Segretario della Flai Cgil di Agrigento ed il Segretario della Cgil di Agrigento, che aggiungono:

La mortalità nei campi per incidenti con mezzi agricoli ha assunto ormai connotati assordanti e drammatici. Vanno ricercati i motivi di questo assurdo tragico risultato che pesa enormemente sulla nostra agricoltura e vanno accelerate le previste misure di protezione per abbassare ancora questo trend, con strumenti di sicurezza attivabili e utilizzati sui mezzi stessi, oltre ad una sempre più necessaria formazione dei conducenti che però ha già visto un rinvio al 31 dicembre 2017 l’entrata in vogore delle disposizioni sul cosidetto “patentino” ovvero l’obbligo di abilitazione all’uso delle trattrici e di altre macchine operatrici utilizzate in agricoltura“.

La Flai e la Cgil di Agrigento con i suoi segretari Giuseppe Di Franco e Massimo Raso esprimendo cordoglio ai familiari della vittima, ricordano l’appello fatto qualche mese fa’ affinché i lavoratori, le associazioni di categoria, gli esperti di sicurezza insieme ai sindacati promuovano la diffusione della cultura della prevenzione e della sicurezza nel settore agricolo per fare in modo che si possano ridurre il numero degli infortuni sul lavoro.

Foto archivio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.