fbpx
Regioni ed Enti Locali

La “settimana dell’Antimafia Itinerante” sbarca ad Agrigento

Dopo l’appuntamento di Palermo e Trapani, dal 22 novembre p.v. l’“Antimafia Itinerante” tocca Agrigento. Si inizierà lunedì 22 novembre, alle ore 11.00 con la presentazione della mostra agli organi d’informazione. L’evento sarà aperto al pubblico nelle giornate del 23, 24 e 26 dalle ore 09.30 alle 13.00 e dalle ore 15.00 alle ore 18.00 e nelle giornate del 22 e del 25 novembre dalle ore 15.00 alle ore 18.00. La mostra sarà dedicata anche agli incontri con gli studenti della comunità scolastica agrigentina e della provincia, per far conoscere la nostra Istituzione e il suo significato storico e culturale. Per accedere all’interno del museo archeologico “Pietro Griffo” sarà necessario esibire il “green pass”.

Giovedì 25 novembre, alle ore 11.00, si svolgerà il convegno sul tema “L’influenza della religione nella lotta alla mafia”, nel quale interverranno il Direttore della D.I.A., Dott. Maurizio Vallone, l’Arcivescovo di Agrigento, Alessandro Damiano, il Capo Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione del Ministero dell’Interno, Prefetto Michele Di Bari, il Procuratore Capo della Repubblica di Agrigento, Dott. Luigi Patronaggio, il Presidente della Pontificia Accademia Mariana Internazionale, padre Stefano Cecchin, il Rabbino della Comunità Ebraica di Napoli, Maskil Ariel Finzi, il Segretario Generale della Confederazione Islamica in Italia, Dr. Massimo Cozzolino e il vice Direttore Amministrativo della Dia, Gen. B. CC Antonio Basilicata.

L’evento potrà essere seguito in diretta streaming, a partire dalle ore 11.00, sul sito della D.I.A., https://direzioneinvestigativaantimafia.interno.gov.it/ e sul sito del Corriere della Sera, https://www.corriere.it. Nelle settimane successive, l’“Antimafia Itinerante” toccherà le sedi siciliane di Caltanissetta, Catania e Messina, per poi risalire lo stivale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.