fbpx
Cultura Regioni ed Enti Locali

Lo spettacolo “DIONYSOS” alla Valle dei Templi di Agrigento e ad Eraclea Minoa

Approda in Sicilia lo spettacolo DIONYSOS della compagnia Skenai Teatro.
L’allestimento è tratto dalle Baccanti di Euripide con l’adattamento del testo e la regia curati da Giancarlo Guercio. L’opera mette in scena la nota tragedia di Euripide che narra le vicende accadute a Tebe, durante il regno di Cadmo, quando Dioniso, rifiutato dalla città, decide di giungervi per imporre il suo culto. Lo fa alla sua maniera, svegliando la natura felina delle baccanti e inducendo Agave, madre di Penteo (futuro re di Tebe), a uccidere suo figlio insieme alle sorelle Ino e Autonoe. Il duplice piano, quello della realtà tebana e quello della sfera onirico-divinatoria si fondono nella soluzione di scena immaginata da Euripide. Dioniso parla ancora ai nostri giorni, alle donne e agli uomini in cerca del vero, del giusto, dell’accoglienza dell’altro.
Questa edizione delle Baccanti possiede un particolare sapore siculo. Diversi sono infatti i rimandi e le citazioni alla cultura e alla tradizione siciliana: eclatante è il linguaggio di Agave “invasata”, che si esprime in una parlata incerta ma dal chiaro sapore catanese; così come è evidente l’arrivo in scena di un carretto, che trasporta gli abiti e i bucrani delle baccanti guerriere, un richiamo ai tipici carretti siciliani, in questo caso, addobbato per un rito di sangue; infine, la Corifea prima e Dioniso poi troneggiano su un conetto vulcanico come a demarcare la loro natura lavica, di fuoco, di magma. Alla potenza del personaggio è associata quella del vulcano, l’Etna, che sbalordisce proprio per il suo dirompente potere naturale.
La Sicilia è una terra dai forti elementi dionisiaci e la regia del Dionysos ha voluto rintracciarli per porli accuratamente nella rappresentazione come proposta semantica. Potere del segno e ricerca estetica, promiscuità linguistica e culturale sono certamente tratti esclusivi dell’affascinante e potente cultura sicula, ricca di contraddizioni e di differenze capaci di coesistere come in pochi altri lembi del Pianeta. Quali migliori riferimenti per esprimere la potente scrittura delle Baccanti di Euripide?
L’allestimento che vede in scena oltre venti tra attrici e attori muove intorno alla conciliazione tra mondi anche diversi tra loro, ma viventi ed esistenti. L’ “io scisso” trova nel Dionysos l’occasione di una sintesi attraverso le naturali confliggenze insite in ogni essere umano e di conseguenza nella società.
La rappresentazione vede in scena Emiliano Spira (Dioniso), Biancarosa Di Ruocco (Agave), Luca Castelluccio (Penteo), Giancarlo Guercio (Cadmo), Rosita Speciale
(Corifea), Patrizia Pontillo (Prima Coreuta), Annalucy Menafra (Seconda
Coreuta), Gianni D’Amato (Mendicante/Bovaro), Davide Sapienza (Messo),
Cono Cimino (Guardia), Matteo Giaffrida (Tiresia), Maria Carmela
Bruzzese, Ersilia Carlucci, Antonella Petrazzuolo, Serena Lobosco, Carolina
Consiglio, Rosetta Paladino (Baccanti).
La regia è coadiuvata da Ornella Bonomo in qualità di assistente e responsabile dell’organizzazione e comunicazione e da Giuseppe Di Stefano, in qualità di direttore di scena.
La grafica e il dipinto riportato come immagine coordinata sono stati creati da Serena Lobosco. I costumi sono stati realizzati da Antonia Capobianco, Carmela Risi, le scene da Giovanni Mariella; i gioielli da Sara Cammarosano; le maschere e gli oggetti di scena da Gaetano Ferrara. Il supporto audio e luci è a cura di Vincenzo Paglia, mentre Gerardo Giuffrida riveste il ruolo di attrezzista e Carmen Paladino quello di assistente di scena.
Tournée siciliana:
27 luglio 2021 ore 18.30 Tempio di Giunone, Valle dei Templi di Agrigento
28 luglio 2021 ore 18.30 Area Spettacolo Parco Archeologico Eraclea Minoa(AG)
30 luglio 2021 ore 21.00 Bando Tumbarello, Parco Archeologico Lilibeo di Marsala
1 agosto 2021, ore 17.30 Altipiano dell’Argimusco (ME)
Biglietteria Webtic.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.