fbpx
Apertura Editoriali Italia

Misteri e veleni, 26 anni dopo l’uccisione del giudice Paolo Borsellino e della sua scorta

Strage di via D'AmelioSarebbe stato bello alzarsi stamattina e scoprire di colpo che l’Agenda Rossa di Paolo Borsellino è stata ritrovata. Che non ci sono misteri sulla sua uccisione e su quella degli uomini della sua scorta.

Che l’agenda rossa è stata ritrovata piena di notizie utili per gli inquirenti. Ma l’incubo non è finito. Misteri e veleni, ancora oggi accompagnano quel grande “botto” del 1992. Processi, depistaggi, silenzi e il giallo di quell’agenda da cui il giudice non si separava mai. Dolore, tristezza e la voglia di giustizia e verità su quegli anni bui in cui la mafia ha sferrato il colpo più duro allo Stato uccidendo due simboli: Falcone e Borsellino. Sono passati 26 anni dalla strage di via D’Amelio. Ventisei lunghi anni in cui ognuno di noi conserva il ricordo terribile di quei momenti, impresso nella nostra memoria.

Quel pomeriggio assolato di Palermo in cui un’autobomba è esplosa tra le strade deserte uccidendo il magistrato i cinque uomini della sua scorta, Claudio Traina, Agostino Catalano, Walter Cosina, Emanuela Loi e Vincenzo Li Muli. Il giudice Paolo Borsellino era andato in Via D’Amelio a Palermo a prendere la sua mamma per accompagnarla dal medico. Alle 16,58 una fortissima esplosione uccide persone, abbatte case, fa saltare in aria auto.

L’obiettivo: uccidere uno dei simboli della lotta alla mafia. Più volte ho ricordato, anche durante interventi in convegni o conferenze, sia in Sicilia che in altre parti d’Italia che ho avuto il privilegio di intervistare il giudice Paolo Borsellino per un quotidiano regionale agli inizi degli anni ‘90. Dalla Procura di Marsala stava per tornare a Palermo. Oggi, come spesso mi è capitato da quando non c’è più e sento parlare di lui, risento la sua voce. Quel tono pacato con cui riusciva a pronunciare piccole e grandi verità.

Fui diretto quella volta. Gli chiesi se aveva paura di tornare a Palermo. La sua risposta fu onesta e sincera, come lo è stata la sua straordinaria vita. Mi disse di si. Che la paura era un sentimento umano.

E’ normale che esista la paura, in ogni uomo, l’importante è che sia accompagnata dal coraggio. Non bisogna lasciarsi sopraffare dalla paura, altrimenti diventa un ostacolo che impedisce di andare avanti“.

E’ un episodio che mi ha segnato perché ci è capitato tante volte di avere paura ma è difficile immaginare che un uomo come Paolo Borsellino, nonostante la paura continuasse la sua battaglia contro il male. Un’intervista tra quelle che non dimenticherò mai nella mia esistenza. Incancellabile. Piena di vita, anche se annunciava la morte.
Le sue parole non possono e non devono essere dimenticate: “Politica e mafia sono due poteri che vivono sul controllo dello stesso territorio: o si fanno la guerra o si mettono d’accordo”.

La paura forse per Paolo Borsellino era anche la quasi certezza che l’avrebbero eliminato: “Mi uccideranno, ma non sarà una vendetta della mafia, la mafia non si vendica. Forse saranno mafiosi quelli che materialmente mi uccideranno, ma quelli che avranno voluto la mia morte saranno altri“.
Vivere e lottare sapendo che il destino era segnato. Venticinque anni dopo ancora ci sono misteri che non sono risolti, legati alla morte di Paolo Borsellino e che mai si risolveranno.

Pira e il giudice Caponnetto

Francesco Pira e il giudice Antonino Caponnetto

C’è un’altra intervista che mi porto dentro. Quella fatta al giudice Antonino Caponnetto Capo del Pool Antimafia. Mi piacevano tantissimo i messaggi che era capace di lanciare ai giovani: “Ragazzi godetevi la vita, innamoratevi, siate felici ma diventate partigiani di questa nuova resistenza, la resistenza dei valori, la resistenza degli ideali. Non abbiate mai paura di pensare, di denunciare e di agire da uomini liberi e consapevoli”.

Ma sulla tragica uccisione del giudice Borsellino aveva fatto dichiarazioni molto precise. Cercato risposte che non sono arrivate: “Ancora oggi aspetto di sapere chi fosse il funzionario responsabile della sicurezza di Paolo, se si sia proceduto disciplinarmente nei suoi confronti e con quali conseguenze”.

Mi piacerebbe oggi, con la maturità e l’esperienza acquisita, incontrare ancora Paolo Borsellino, parlare con lui e chiedergli un giudizio sulla nostra Sicilia. Mi piacerebbe riportare un suo pensiero su una terra dove ogni giorno sbarcano disperati. Una terra che non ha superato il complesso di essere Sud del Sud. Una terra che alterna la voglia di riscattarsi e di costruire, al servilismo più sfrenato e alla capacità di demolire.
Forse risponderebbe sorridendo: “la Sicilia un giorno sarà bellissima”. E detto da lui non stenteremmo a crederci.

Francesco Pira

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.