fbpx
Regioni ed Enti Locali

Racalmuto, furti alla scuola media “Pietro D’Asaro”: oggi corteo di mobilitazione

Emilio-Messana-20-06-2010Ancora una volta ignoti malviventi hanno preso di mira la scuola media “Pietro D’Asaro” di Racalmuto, riuscendo a rubare lavagne multimediali e proiettori.

Un fatto che però non si è limitato al semplice furto. Gli ignoti hanno infatti anche vandalizzato gli arredi della struttura scolastica.

Sul fatto si registra l’intervento del sindaco di Racalmuto, Emilio Messana (in foto), che afferma: “Sono stato a scuola stamane, la dirigente Rosa Pia Raimondi mi ha accompagnato per le aule con le lavagne luminose danneggiate, spente e monche. I ladri si sono portati via sette video proiettori, mixer, microfoni. Due raid in poco meno di un mese, per negare ai nostri ragazzi il diritto e il piacere dell’apprendimento moderno, interattivo, multimediale.
L’assessore Carmela Matteliano aveva già individuato le risorse per rimediare al furto dei primi video proiettori; adesso lo sforzo per riaccendere le lavagne luminose si moltiplica”.
“Violare una scuola – sottolinea il primo cittadino – provoca un enorme danno sociale, turba la serenità dei ragazzi, profana ii luoghi dedicati alla loro educazione, alla conoscenza, al divertimento. L’idea della scuola di promuovere una manifestazione è quella giusta”.
“Occorre reagire, tutti insieme, protestare l’indignazione della comunità e mobilitarsi per proteggere le nostre istituzioni. Serve da monito per i delinquenti e i balordi e per nutrire nei nostri ragazzi il sentimento di legalità e di rispetto dei beni pubblici”.

Oggi, alle ore 11 un corteo di mobilitazione partirà dalla Scuola Media “Pietro D’Asaro” per poi percorrere la Via Filippo Villa, la Via Leonardo Sciascia, per concludersi dinnanzi al Municipio. Un gesto che si sposa con l’indignazione cittadina, manifestata dall’intera comunità racalmutese.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.